Responsabilità medica: l'onere della prova

Condividi
Seguici

Il riparto varia a seconda che ad essere convenuto sia il medico o la struttura sanitaria
lente di ingrandimento su sfondo marrone

di Valeria Zeppilli - Nel campo della responsabilità medica, il riparto dell'onere della prova varia a seconda di quale sia il soggetto convenuto in giudizio dal paziente, ovverosia se si tratti del medico o della struttura sanitaria.

A seguito dell'emanazione della legge Gelli (che ha profondamente riformato il campo della responsabilità medica), infatti, oggi non è più lasciato spazio all'interpretazione ma la struttura risponde sempre a titolo contrattuale, mentre la responsabilità del medico nei confronti del paziente è di natura extracontrattuale (salvo il caso in cui il sanitario abbia agito nell'adempimento di un'obbligazione contrattuale assunta direttamente con il paziente).

La prova nei giudizi contro la struttura sanitaria

Sul piano dell'onere probatorio, ciò si traduce nella circostanza che, se a essere convenuta in giudizio è la struttura sanitaria, il paziente danneggiato deve limitarsi a dimostrare l'esistenza del contratto e l'insorgenza o l'aggravamento della patologia, allegando l'inadempimento astrattamente indoneo a cagionare il danno lamentato.

Grava invece sulla struttura sanitaria l'onere di dimostrare, quale soggetto debitore, o di non aver posto in essere alcun inadempimento o che, pur essendovi stato un inadempimento, lo stesso non è risultato eziologicamente rilevante.

La prova nei giudizi contro il medico

La circostanza che, invece, il medico risponde nei confronti del paziente a titolo extracontrattuale si riflette, sul piano della prova, nell'onere ben più gravoso per il paziente che agisce in giudizio per ottenere il risarcimento del danno di dimostrare il danno subito, il nesso causale che lega questo alla condotta imputata al medico e la colpa o il dolo del sanitario.

Valeria Zeppilli
Consulenza Legale
Avvocato e dottore di ricerca in Scienze giuridiche, dal 2015 fa parte della redazione di Studio Cataldi -- Il diritto quotidiano. Collabora con la cattedra di diritto del lavoro, diritto sindacale e diritto delle relazioni industriali dell'Università 'G. D'Annunzio' di Chieti - Pescara.
(17/03/2018 - Valeria Zeppilli) Foto: 123rf.com
In evidenza oggi:
» Niente cognome paterno se il figlio si oppone
» Fino a tre anni di prigione per chi offende il prof
» L'opposizione a decreto ingiuntivo - guida legale con modello di citazione
» Il condono edilizio
» Loltraggio a pubblico ufficiale

Newsletter f t in Rss