Sei in: Home » Articoli
 » Previdenza

Pensione reversibilità: spetta anche al coniuge separato per colpa

Per la Cassazione non è possibile trattare in maniera differente il coniuge superstite separato in ragione del titolo della separazione
donna fa segno con la mano per chiedere soldi concetto divorzio mantenimento

di Valeria Zeppilli – Ai fini del riconoscimento del diritto alla pensione di reversibilità, il coniuge separato per colpa o con addebito va equiparato in tutto e per tutto al coniuge superstite, separato o non separato.

In applicazione di tale principio, quindi, la Corte di cassazione, con l'ordinanza numero 2606/2018 qui sotto allegata, ha accolto il ricorso di una vedova separata con addebito, alla quale la sentenza dalla stessa impugnata aveva negato la pensione di reversibilità in quanto non era titolare, all'atto del decesso del coniuge, di assegno di mantenimento.

Nessuna distinzione tra ex coniugi

Per i giudici, del resto, dopo la riforma dell'istituto della separazione personale non è più possibile trattare in maniera differente il coniuge superstite separato in ragione del titolo della separazione e, quindi, non è più giustificabile negare al coniuge cui è stata addebitata la separazione o al coniuge separato per colpa una tutela che assicuri la continuità dei mezzi di sostentamento che il defunto sarebbe stato tenuto a fornirgli.

Ratio della reversibilità

Oltretutto, la legge numero 903/1965 pone una tutela previdenziale la cui ratio è quella di porre il coniuge superstite "al riparo dall'eventualità dello stato di bisogno, senza che tale stato di bisogno divenga (anche per il coniuge separato per colpa o con addebito) concreto presupposto e condizione della tutela medesima".

Corte di cassazione testo ordinanza numero 2606/2018
Valeria Zeppilli
Consulenza Legale
Laureata a pieni voti in giurisprudenza presso la Luiss 'Guido Carli' di Roma con una tesi in Diritto comunitario del lavoro. Attualmente svolge la professione di Avvocato ed è dottoranda di ricerca in Scienze giuridiche – Diritto del lavoro presso l'Università 'G. D'Annunzio' di Chieti – Pescara
(02/02/2018 - Valeria Zeppilli) Foto: 123rf.com
In evidenza oggi:
» Il genitore non può imporre al figlio la sua religione
» Stalking: arriva l'app per raccogliere le prove
» Privacy: da oggi in vigore il Gdpr, ecco la guida per gli avvocati
» Costi occulti nella telefonia mobile: come difendersi?
» Risarcimento vedova: la pensione di reversibilità non si tocca


Puoi trovare o lasciare commenti anche nei post che trovi nella nostra Pagina Facebook
Newsletter f g+ t in Rss