Sei in: Home » Articoli

Colloqui di lavoro: presto si faranno con i robot

Robot per la selezione del personale. Nel prossimo futuro, sarà un algoritmo ad aiutare le aziende a scremare i curriculum presentati per un posto di lavoro
robot che fa colloquio di lavoro

di Gabriella Lax - Arrivano i robot per la selezione del personale. In un futuro prossimo le prove di selezione si svolgeranno davanti all'algoritmo di un computer, piuttosto che davanti ad una persona in carne e ossa. Un paio in realtà sono già al "lavoro".

Il primo si chiama Mya, ed è un chatbot che aiuta le aziende a scremare i curriculum presentati. I soggetti da selezionare sono soprattutto lavoratori destinati a occupare posizioni retribuite su base oraria.

Vai alle guide Curriculum vitae e Curriculum vitae europeo

Robot ai colloqui, freddi ma equi

A raccontarlo è il Financial Times: «Quando un candidato presenta domanda per un posto di lavoro, Mya si presenta e lo coinvolge in una chiacchierata. Il chatbot rivolge alcune domande preliminari per vedere se il candidato è qualificato per una data posizione: "Può lavorare la sera?", "Le va bene la fascia di stipendio prevista?", "Quando potrebbe cominciare a lavorare?". Esaurita questa fase di scrematura si passa ad un colloquio tradizionale, quello con un essere umano.

La critica principale dei detrattori è che il bot rischia di essere troppo freddo, privo di qualunque emozione. Proprio la critica principale presenta il lato buono della medaglia: scevri da ogni considerazione su razza, status socioeconomico e immagine personale, i robot sono una garanzia di equità.

Inoltre il robot almeno risponde a tutti e permette di ovviare al principale inconveniente che si presenta nelle aziende: la marea di curricula non esaminati, dei quali circa l'85% viene cestinato.

Robot ai colloqui, dall'Australia ecco Matilda

L'altro automa, si chiama Matilda e viene dall'Australia. Sviluppato dall'università di La Trobe a Melbourne per essere impiegato per la selezione del personale, questo robot è stato progettato per sostenere colloqui di 25 minuti in cui sottopone i candidati a una serie di domande, registra e analizza le risposte dei potenziali dipendenti, monitora le espressioni del viso confrontandole con altri impiegati di successo all'interno dell'azienda. Matilda è usata al momento per scegliere gli addetti alle vendite.

Il dubbio dei suoi stessi creatori è se il robot possa funzionare bene oltre i confini del continente.

Sul sito dell'Università australiana si legge: «molte procedure di selezione si affidano a sistemi computerizzati che si basano su tecniche psicometriche progettate per misurare le capacità del candidato, le sue conoscenze e abilità ma spesso sono generiche, sviluppate al di fuori dell'Australia e non riflettono la cultura del lavoro del Paese con la conseguenza che, sebbene utili, hanno un'efficacia limitata: il grande turnover di personale nelle vendite e gli alti livelli di stress di questo settore sono un sintomo di questo limite».

Leggi anche: Da Ross a Coin, ecco i robot che manderanno in pensione gli avvocati

(17/01/2018 - Gabriella Lax) Foto: 123rf.com
In evidenza oggi:
» Divorzio: per i figli vale sempre il tenore di vita
» Cassazione: saluto fascista non è reato se commemorativo
» Il contratto di francising
» Flat tax: che cos'è e come funziona
» Cassazione: reato per chi rivela la relazione con una donna sposata


Puoi trovare o lasciare commenti anche nei post che trovi nella nostra Pagina Facebook
Newsletter f g+ t in Rss