Sei in: Home » Articoli
 » scuola

Scuola: al via le iscrizioni per il prossimo anno scolastico

Aperte dal 9 gennaio le registrazioni per l'iscrizione al prossimo anno scolastico. Dal 16 sarà possibile presentare la domanda vera e propria
ragazzo che centra bersaglio

di Gabriella Lax - Da ieri, 9 gennaio sono aperte le registrazioni e, da martedì 16, sarà poi possibile presentare la vera domanda di iscrizione per il prossimo anno scolastico.

Iscrizioni a scuola, al via la registrazione

Come specifica il sito del Miur, nel riportare tutte le istruzioni del caso, da ieri dunque si può accedere alla registrazione per ottenere le credenziali di accesso al servizio (un codice utente e una password). La registrazione deve essere fatta dal genitore o da chi esercita la responsabilità genitoriale sul sito dedicato iscrizioni.istruzione.it.

Chi possiede già un'identità digitale Spid (Sistema pubblico di identità digitale) non deve fare la registrazione e può accedere al servizio a partire dal 16 gennaio.

La registrazione online rappresenta la prima fase dell'iscrizione degli studenti alle scuole: la vera e propria fase di iscrizione potrà essere completata da martedì 16 gennaio, e ci sarà tempo fino alle ore 20 di martedì 6 febbraio e riguarderà le prime delle scuole primarie e secondarie di primo e di secondo grado.

Le iscrizioni online sono obbligatorie per le scuole statali e facoltative per le scuole paritarie e riguardano anche i corsi di istruzione e formazione dei centri di formazione professionale delle regioni che hanno aderito alla procedura: Lazio, Liguria, Lombardia, Molise, Piemonte, Sicilia, Toscana e Veneto. Per la scuola dell'infanzia la procedura d'iscrizione è rimasta quella classica, cartacea, degli anni passati.

Come effettuare l'iscrizione e scegliere la scuola

Una volta effettuata la registrazione, a partire da martedì 16 gennaio, basterà collegarsi al sito del Miur e dichiarare quali scuole si è intenzionati a frequentare, per un massimo di tre.

Ogni scuola viene identificata da un "codice scuola". Se non si conosce il codice delle scuole si può fare una ricerca sul sito "Scuola in chiaro" o richiederlo direttamente alle scuole.

Il modello di iscrizione online consta di due parti: una prima in cui vanno inseriti i dati anagrafici dello studente, della scuola scelta e le preferenze sull'orario scolastico (per le elementari) o l'indirizzo di studio (per le superiori). Nell'altra sezione vanno selezionate le informazioni e le preferenze riguardo i servizi che offre la scuola prescelta, riferiti, per esempio, alla formazione delle classi.

Una volta completata la domanda di iscrizione si riceve, il modulo può essere inoltrato online alla scuola. Sarà poi la scuola scelta a confermare l'iscrizione, oppure in caso di indisponibilità, ad indirizzare a un'altra scuola decisa dal genitore come soluzione alternativa.

Durante tutto il processo si verrà aggiornati sullo stato della propria domanda.

Scuole: iscrizioni, le novità del 2018

Una delle novità per le iscrizioni 2018, si ricorda, è rappresentata dalla possibilità di scegliere per chi si iscrive alle scuole superiori uno dei cento percorsi sperimentali "abbreviati" di 4 anni, anziché 5. Saranno cento classi così distribuite: 44 al Nord, 23 al Centro, 33 al Sud. Con 75 indirizzi liceali e 25 indirizzi tecnici di 73 scuole statali e 27 paritarie. Già in lizza ci sono 92 classi per le quali il ministero chiederà al Consiglio Superiore della Pubblica Istruzione il parere per includerle nella sperimentazione.

Leggi anche: Scuola: diploma in 4 anni, ecco l'elenco dei licei

Novità anche per gli indirizzi professionali, riformati grazie ai decreti attuativi della legge sulla "Buona Scuola", approvati ad aprile. Dal prossimo anno i percorsi saranno di 5 anni: biennio più triennio. Gli indirizzi da 6 diventeranno 11 e ogni scuola li potrà adattarli alle richieste ed alle caratteristiche del territorio, in base alle priorità indicate dalle Regioni.

(10/01/2018 - Gabriella Lax) Foto: 123rf.com
In evidenza oggi:
» Hoverboard: multe fino a 99 euro per chi circola su strada e marciapiedi
» Divorzio: niente assegno all'ex che può mantenersi
» Multe e atti giudiziari: addio alla comunicazione di avvenuta notifica (CAN)
» Cassazione e obbligo iscrizione gestione separata Inps: quali conseguenze per gli avvocati?
» Il decreto ingiuntivo europeo


Puoi trovare o lasciare commenti anche nei post che trovi nella nostra Pagina Facebook
Newsletter f g+ t in Rss