Sei in: Home » Articoli

Scuola: al debutto le iscrizioni anche per i diplomi brevi

Pubblicata la circolare Miur per le iscrizioni al prossimo anno scolastico. Si parte dal 16 gennaio e a settembre per i diplomi a 4 anni
ragazzo che centra bersaglio

di Gabriella Lax - Dal prossimo 16 gennaio al via le iscrizioni a scuola. A fare chiarezza ci pensa la circolare sulle iscrizioni per l'anno scolastico 2018/2019, disponibile da ieri, sul sito del Miur.

Scuola: iscrizioni al via dal 16 gennaio

Con le iscrizioni si partirà dunque alle 8 del prossimo 16 gennaio e ci sarà tempo fino alle 20 del 6 febbraio 2018. Sarà possibile, in quest'arco di tempo, effettuare la procedura online per l'iscrizione alle classi prime della scuola primaria, della secondaria di I e II grado. Intanto dalle 9 del 9 gennaio 2018 si potrà accedere alla fase di registrazione sul portale www.iscrizioni.istruzione.it. Chi possiede un'identità digitale Spid (Sistema pubblico di identità digitale) potrà accedere con le credenziali del gestore che ha rilasciato l'identità. Per effettuare l'iscrizione online serve individuare la scuola di interesse. E, a tal proposito, può servire il portale 'Scuola in Chiaro' che raccoglie i profili di tutte le scuole italiane e visualizza svariate informazioni che vanno dall'organizzazione del curricolo, all'organizzazione oraria, agli esiti degli studenti e ai risultati a distanza (Università e mondo del lavoro).

Sul provvedimento si registra l'intervento del ministro all'istruzione Valeria Fedeli che chiarisce «La circolare sulle iscrizioni rappresenta un primo importante passo per l'avvio delle operazioni relative al prossimo anno scolastico. Da parte del Ministero c'è un forte impegno per velocizzare tutte le procedure, affinché anche il prossimo settembre le lezioni possano avviarsi in modo ordinato e con tutti i docenti in cattedra. Il momento delle iscrizioni è sempre un momento importante per le ragazze e i ragazzi e per le loro famiglie. Anche quest'anno il Ministero metterà a disposizione dei genitori materiali informativi e un sito dedicato sia per aiutarli ad effettuare la scelta che per l'iscrizione vera e propria».

Quattro anni di scuole superiori, si parte a settembre 2018

Ma la vera novità è rappresentata dalla possibilità di scegliere per chi si iscrive alle scuole superiori uno dei cento percorsi sperimentali "abbreviati" di 4 anni, anziché 5, che saranno ufficialmente ai nastri di partenza il prossimo settembre.

Per la scuola dell'infanzia

La domanda resta cartacea e va presentata alla scuola prescelta. Possono essere iscritti alle scuole dell'infanzia le bambine e i bambini che compiono il terzo anno di età entro il 31 dicembre 2018, che hanno la precedenza; possono poi essere iscritti i bambini che compiono il terzo anno di età entro il 30 aprile 2019. Non è consentita, anche in presenza di disponibilità di posti, l'iscrizione alla scuola dell'infanzia di bambini che compiono i tre anni di età successivamente al 30 aprile 2019.

Per la scuola primaria

Le iscrizioni si fanno online e riguardano i bambini che compiono sei anni di età entro il 31 dicembre 2018. Si possono iscrivere anche i bambini che compiono sei anni dopo il 31 dicembre 2018 e comunque entro il 30 aprile 2019. Non è consentita, anche in presenza di disponibilità di posti, l'iscrizione alla prima classe della primaria di bambini che compiono i sei anni successivamente al 30 aprile 2019. Al momento dell'iscrizione, in subordine, le famiglie possono indicare rispetto alla loro prima scelta, fino a un massimo di altre due scuole di proprio gradimento. Il sistema di iscrizioni online comunica di aver inoltrato la domanda di iscrizione verso le scuole indicate come seconda o terza opzione.

Per la scuola secondaria di I grado

In questo caso, all'atto dell'iscrizione online, i genitori esprimono le proprie opzioni rispetto alle possibili articolazioni dell'orario settimanale che può essere di 30 oppure 36 ore, elevabili fino a 40 (tempo prolungato), in presenza di servizi e strutture idonee. Anche in questo caso le famiglie potranno scegliere in subordine un massimo di altre due scuole di proprio gradimento. Per l'iscrizione alle prime classi a indirizzo musicale, i genitori devono barrare l'apposita casella del modulo di domanda di iscrizione online. Le istituzioni scolastiche organizzeranno la prova orientativo-attitudinale in tempi utili per consentire ai genitori, nel caso di carenza di posti disponibili, di presentare una nuova istanza di iscrizione, eventualmente anche a un'altra scuola.

Per la scuola secondaria II grado

Nella domanda di iscrizione online alla prima classe di una scuola secondaria di secondo grado statale, i genitori devono chiarire anche la scelta dell'indirizzo di studio. In subordine è possibile inserire massimo altre due scuole di proprio gradimento.

Iscrizioni alle prime classi dei percorsi quadriennali

La vera novità è costituita dai cento percorsi sperimentali, a partire dall'anno scolastico 2018/2019, attivati in altrettante classi prime di licei e istituti tecnici, per la conclusione del percorso di studi in quattro anni. Le classi prime potranno essere attivate esclusivamente nelle scuole statali e paritarie i cui progetti di sperimentazione saranno approvati a conclusione della valutazione, in corso da parte del Ministero, delle candidature pervenute a seguito della pubblicazione di un apposito bando. È consentita l'attivazione di una sola classe prima per un solo indirizzo di studio fra quelli già presenti nell'offerta formativa della scuola.

Istruzione professionale

Infine per l'istruzione professionale, nel 2018/2019 partiranno i nuovi indirizzi previsti da uno dei decreti attuativi della legge 107 del 2015 (Buona Scuola). Il relativo regolamento sarà a breve sottoposto al vaglio della Conferenza Stato Regioni.

La circolare, infine, contiene informazioni dettagliate anche sulle iscrizioni di alunne e alunni con disabilità, con disturbi specifici di apprendimento e con cittadinanza non italiana.

(14/11/2017 - Gabriella Lax) Foto: 123rf.com
Le più lette:
» La responsabilità oggettiva
» Il reato di ricettazione
» Opposizione a decreto ingiuntivo: inammissibile per nullità della notifica via pec
» L'accollo
» Avvocati: prestazione sospesa se il cliente non paga
In evidenza oggi
Tari: come chiedere il rimborso dal 2014Tari: come chiedere il rimborso dal 2014
Cassazione: valida la querela implicitaCassazione: valida la querela implicita

Puoi trovare o lasciare commenti anche nei post che trovi nella nostra Pagina Facebook
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF