Sei in: Home » Articoli

Processo civile: arriva il rito sommario per tutti

Un emendamento alla manovra prevede l'applicazione del rito sommario a tutte le cause di competenza del giudice unico. Ma i civilisti esprimono forte contrarietÓ
bussola che mostra il tempo per la semplificazione fiscale

di Marina Crisafi ľ Basta con i processi civili interminabili, arriva il rito sommario per tutte le cause di competenza del giudice unico. ╚ quanto prevede un emendamento alla manovra, di fonte parlamentare, che secondo quanto riporta il Sole24Ore, avrebbe giÓ ricevuto l'appoggio del ministero della Giustizia e di palazzo Chigi.

Riforma giustizia: rito sommario per tutte le cause del giudice unico

In pratica, l'emendamento estende il rito sommario di cognizione a tutte le cause di competenza del giudice unico, che sarebbero la stragrande maggioranza, con il fine di tagliarne drasticamente i tempi. L'obiettivo Ŕ di abbattere il tempo necessario per una causa del 60%, con la conseguenza di far passare il paese, nella classifica Doing Business sui termini di durata dei giudizi, dalla 111esima alla 42esima posizione.

Se l'emendamento dovesse essere approvato, il rito ordinario di cognizione diventerebbe l'eccezione, rimanendo soltanto per le cause collegiali.

Ci˛ del resto Ŕ quanto previsto dal disegno di legge di riforma della giustizia, tuttora all'esame del Senato.

Leggi anche:

- Riforma processo civile: rito sommario obbligatorio di fronte al giudice unico

- Processo civile: cosa cambia con la riforma

Rito sommario tout court: i civilisti dicono no

Ma a controbattere all'emendamento ci sono i civilisti che esprimono ferma contrarietÓ all'applicazione del rito sommario per tutti i giudizi di competenza del giudice unico. "Ci auguriamo vivamente ľ afferma infatti la presidente dell'Unione nazionale Camere civili, Laura Jannotta - che tale emendamento non venga portato avanti ed esprimiamo tutta la nostra contrarietÓ all'applicazione del rito sommario tout court ad ogni causa civile di competenza del giudice unico, contrarietÓ giÓ espressa e motivata con le osservazioni e gli emendamenti proposti insieme al Cnf e all'Ocf in sede di Commissione Giustizia del Senato".

Se la notizia fosse confermata, continua la nota, l'Uncc esprime "la propria ferma opposizione al metodo adottato, dove i pareri chiesti e dati dall'Avvocatura non vengono, alla fine, presi in alcuna considerazione. E invita il Ministero della Giustizia ed il Governo a riflettere e rivedere la propria posizione in merito al probabile emendamento, che non porterebbe ad alcun taglio dei tempi per il processo civile".

(26/11/2017 - Marina Crisafi) Foto: 123rf.com
In evidenza oggi:
» Risarcimento danno parentale: Cassazione, spetta anche al nipote non convivente
» Bollette luce, acqua e gas prescritte in 2 anni
» Spese straordinarie per i figli: il vademecum
» Il disconoscimento di paternitÓ - guida con fac-simile
» Gli accordi di separazione consensuale


Puoi trovare o lasciare commenti anche nei post che trovi nella nostra Pagina Facebook
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF