Sei in: Home » Articoli
 » Condominio

Cassazione: non serve l'approvazione dell'assemblea per la nascita del supercondominio

Se pi¨ condomini hanno alcune cose in comune il supercondominio viene in essere per legge
due grandi palazzi condominiali
Non serve alcune approvazione dell'assemblea per costituire un supercondominio. Lo ha stabilito la corte di Cassazione con sentenza 15/11/2017, n. 27094.
Come accade anche per il normale condominio, il supercondominio "viene in essere ipso iure et facto, se il titolo non dispone altrimenti, senza bisogno d'apposite manifestazioni di volontÓ o altre esternazioni e tanto meno d'approvazioni assembleari", spiega la Corte. E' sufficiente a tal fine che "singoli edifici, costituiti in altrettanti condomini, abbiano in comune talune cose, impianti e servizi legati, attraverso la relazione di accessorio e principale, con gli edifici medesimi".
La vicenda ha avuto inizio da una impugnazione di una delibera assembleare di cui assumeva la nullitÓ perchŔ adottata in violazione di norme imperative di legge, del regolamento di condominio.
Il Tribunale Milano aveva accolto in parte l'impugnazione mentre in appello, la sentenza di primo grado veniva parzialmente riformata.
Il caso finiva dunque in Cassazione dove gli Ermellini, nel respingere il ricorso hanno evidenziato che la sentenza impugnata ha correttamente affermato che l'intero complesso Ŕ costituito da una "pluralitÓ di palazzi che utilizzano alcuni servizi in comune con ci˛ ricalcando puntualmente il paradigma del supercondominio".
Testo sentenza Cassazione n.27094/2017
(20/11/2017 - Redazione)
In evidenza oggi:
» Manovra e decreto fiscale: le novitÓ punto per punto
» Seggiolini salva bebÚ: legge in vigore dal 27 ottobre
» Multe e bollo auto: fino a mille euro debiti cancellati
» Giudici onorari minorili: ecco il bando, domande fino al 9 novembre
» Poste Italiane: 7.500 assunzioni nel 2019

Newsletter f g+ t in Rss