Sei in: Home » Articoli

Terremoti: arrivano 1,2 miliardi di euro

Cifre comunitarie da record per gli aiuti per i terremoti in Italia
volontari soccorso durante terremoto

di Gabriella Lax - In arrivo 1,2 miliardi di euro di aiuti comunitari per i terremoti in Italia. Con 36 voti in favore e uno contrario, la cifra di 1.196.797.579 di euro per il Fondo di solidarietÓ per l'unione, rappresenta la somma pi¨ alta finora stanziata.

Terremoti ecco i fondi per la ricostruzione

Gli aiuti finanziari europei possono essere utilizzati per coprire: spese di ricostruzione, operazioni di emergenza e di sgombero e la messa in sicurezza dell'area colpita.

L'Italia Ŕ giÓ il maggiore beneficiario del Fondo di solidarietÓ, avendo ricevuto 1,3 miliardi di euro nei 15 anni di esistenza dell'FSUE.

Il Paese, in un arco di tempo che va dal 24 agosto 2016 e la metÓ di gennaio 2017, Ŕ stato interessato da una serie di violenti terremoti con magnitudo variabile dai 5,9 ai 6,5 punti della scala Richter, e diverse scosse di assestamento. Numerosi i territori colpiti: Appennini nell'Italia centrale, in particolare Abruzzo, Lazio, Marche e Umbria. I terremoti hanno causato 333 vittime, e danni rilevanti a infrastrutture e a imprese in particolare nei settori agricolo e turistico. Ancora moltissime sono le persone che necessitano assistenza.

A tal proposito l'Italia ha chiesto il pagamento di un anticipo, giÓ versato dalla Commissione europea il 29 novembre 2016, per un importo pari a 30 milioni di euro (importo massimo che pu˛ essere concesso in base al regolamento). La prossima tappa sarÓ il 13 settembre a Strasburgo in occasione della plenaria del Parlamento che dovrebbe approvare lo stanziamento, in via definitiva.

In caso di esito positivo della votazione, i fondi potrebbero essere disponibili nel giro di una settimana.


(31/08/2017 - Gabriella Lax) Foto: 123rf.com
In evidenza oggi:
» Addio multa se nel verbale mancano indicazioni sul segnale di preavviso
» Avvocati: verso l'assunzione negli studi legali
» Il processo amministrativo
» Avvocati: verso l'assunzione negli studi legali
» Addio divorzio breve, arriva la mediazione

Newsletter f g+ t in Rss