Sei in: Home » Articoli
 » Avvocatura

Avvocati ed ex clienti: i divieti del codice deontologico

La portata del divieto di cui all’art. 68 del codice deontologico forense di assumere incarichi contro ex clienti e di usare le notizie acquisite durante il mandato
donna che tiene divieto di accesso

di Marina Crisafi - La corretta lettura del canone di cui all'art. 68 del nuovo codice deontologico forense (già art. 51 c.d.f.) "induce a ritenere che il divieto di utilizzazione delle notizie acquisite in ragione del mandato conferito all'avvocato costituisce una circostanza ulteriore rispetto al divieto di assunzione di incarichi contro un ex cliente nel biennio dalla cessazione dell'incarico". Così ha affermato più volte il Consiglio Nazionale Forense (cfr., sentenza n. 52/2014 e n. 104/2011) chiarendo la portata della disposizione deontologica.

Avvocati: le due condizioni per assumere incarichi contro ex clienti

In sostanza, due sono le condizioni in presenza delle quali l'avvocato può assumere incarichi contro un ex assistito:

- quando è decorso almeno un biennio dalla cessazione del rapporto professionale;

- quando il nuovo incarico professionale sia "estraneo rispetto a quello espletato in precedenza".

Il divieto di utilizzare notizie acquisite durante l'incarico

Non solo. Il divieto di utilizzare le notizie acquisite in ragione dell'incarico cessato, come chiarito dal Cnf in più occasioni (cfr. sentenza n. 52/2014 e n. 104/2011), rappresenta una circostanza ulteriore ed autonoma rispetto a quello di assumere incarichi contro la parte già assistita nel biennio precedente. Ergo: l'avvocato non potrà "in ogni caso" usare le notizie acquisite in ragione del rapporto già esaurito.

I divieti specifici sanciti dall'art. 68 del codice deontologico forense

L'art. 68 del cdf, dopo aver sancito tali principi generali, prende in esame anche divieti specifici, precisando in primo luogo, che l'avvocato che abbia assistito congiuntamente "coniugi o conviventi in controversie di natura familiare deve sempre astenersi dal prestare la propria assistenza in favore di uno di essi in controversie successive tra i medesimi".

Inoltre, l'avvocato che ha assistito un minore in controversie familiari deve sempre astenersi dall'assistere uno dei genitori nelle successive controversie della medesima natura (e viceversa).

Le sanzioni

A presidio dei divieti sanciti, il codice deontologico prevede due distinte sanzioni.

In particolare, la violazione del divieto di assumere incarichi contro ex assistiti prima di un biennio ovvero di assistere uno dei coniugi (o dei conviventi) in precedenza assistiti congiuntamente in controversie di natura familiare comporta "l'applicazione della sanzione disciplinare della sospensione dall'esercizio dell'attività professionale da due a sei mesi".

La violazione degli altri doveri e divieti, invece, sanciti dalla disposizione deontologica, comporta l'applicazione della sanzione disciplinare della sospensione dall'esercizio dell'attività professionale da uno a tre anni.

Avvocati, divieto anche contro clienti dei colleghi di studio

Resta da segnalare che è ancora oggi discusso se il divieto di assumere incarichi vale anche nei confronti dei clienti dei colleghi di studio.

Il Cnf, con la recente sentenza n. 80/2015, si è espresso in senso favorevole al divieto, ribadendo che "l'avvocato ha l'obbligo di astenersi dal prestare attività professionale quando questa determini un conflitto di interessi configgenti con la controparte che sappia assistita da avvocato che eserciti la professione nei suoi stessi locali" (leggi: Avvocati: illecito agire contro un cliente del collega di studio).

È, infatti, scrive il Cnf, "deontologicamente rilevante la condotta dell'avvocato che ponga in essere una situazione di conflitto anche solo potenziale nei confronti della parte da lui assistita o che comunque possa ingenerare nei terzi il semplice sospetto di un comportamento non improntato ai canoni di una assoluta correttezza" (cfr. Cnf, n. 80/2015).

Leggi anche: Avvocati: il divieto di assumere incarichi contro l'ex cliente


(02/08/2017 - Marina Crisafi) Foto: 123rf.com
In evidenza oggi:
» Conto corrente cointestato: può essere donazione indiretta
» Resto al Sud: 200mila euro da gennaio ai giovani
» Avvocati: ecco le nuove tariffe
» Quanti sono i tentativi di vendita nelle aste di beni immobili?
» Mantenimento figli: le linee guida del Cnf sulle spese ordinarie e straordinarie


Puoi trovare o lasciare commenti anche nei post che trovi nella nostra Pagina Facebook
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF