Sei in: Home » Articoli

Strisce blu e ztl: permessi in base all'Isee

La "stangata" è operativa da oggi a Torino ma altri comuni potrebbero prendere esempio
cartello che indica zona traffico limitato

di Gabriella Lax - Strisce blu e ztl, permessi si pagano in base all'Isee. La stangata è operativa da oggi a Torino, ma altri comuni italiani potrebbero prendere esempio. A Torino gli aumenti arriveranno anche al 400% per i parcheggi, mentre i lasciapassare costeranno il doppio. Il Comune cercherà di monetizzare un milione di euro soltanto riguardo i circa 10mila permessi rilasciati per l'accesso all'interno della Ztl. 

Permessi sosta: per le agevolazioni serve l'Isee 

Per usufruire di tariffe agevolate al momento del rinnovo occorrerà presentare l'attestazione Isee, altrimenti si pagherà il massimo: 180 euro contro gli attuali 45. Chi dimostrerà di avere un Isee inferiore ai 12mila euro (e ha un'auto che non supera i 100Kw di potenza) pagherà 10 euro, mentre per continuare a pagare la vecchia tariffa di 45 euro bisognerà attestare un reddito Isee tra i 12mila e i 20mila euro. Verserà 90 euro l'anno, invece, chi ha un Isee compreso tra i 20mila e i 50mila euro, mentre sopra i 50mila non si avranno sconti.

Presentare l'Isee sarà indispensabile per pagare meno, mentre non servirà a nulla nel caso dei permessi Ztl. Nello specifico dei permessi Blu A e Blu B, che mantengono validità biennale, passa da 100 a 200 euro, così come il permesso Fotocine, con validità massima di un anno. Il permesso Borgo Dora passa da 5 a 15 euro all'anno, il permesso Cantiere, con durata massima di un anno, da 50 a 100 euro, l'annuale Arancione da 20 a 70 euro, quello Blu da 10 a 30 euro. In aumento anche i permessi di transito: 70 euro l'"Arancione"; 50 euro per il "Disco" e il "Lilla" che adesso avranno validità annuale; 30 euro per il "Blu" e "Scuola".

(02/05/2017 - Gabriella Lax) Foto: 123rf.com
In evidenza oggi:
» Riforma processo civile: addio atto di citazione
» Bye bye vitalizi
» Il procedimento penale davanti al giudice di pace
» Il giudizio abbreviato
» Riforma processo civile: addio atto di citazione

'codice widgetpack temporaneamente spostato nella raccolta codici
Newsletter f g+ t in Rss