Sei in: Home » Articoli

Come si calcolano i giorni e le ore per i permessi ex legge 104

Ecco l'algoritmo di calcolo da utilizzare in caso di frazionabilità ad ore dei permessi
giovane donna imprenditrice con calcolatrice in mano

di Valeria Zeppilli – I permessi ex legge 104 sono quelli che il nostro ordinamento concede ai lavoratori portatori di handicap grave o che hanno la necessità di assistere dei familiari che si trovano in tale condizione. In particolare, è l'articolo 33 della legge 104/1992 che li prevede, quantificandoli in tre giorni mensili coperti da contribuzione figurativa e fruibili anche in maniera continuativa (per approfondimenti vai alla guida: "La legge 104: i permessi retribuiti. Vademecum e testo della legge").

Ogni mese, quindi, il lavoratore al quale è riconosciuto tale beneficio può assentarsi per tre intere giornate lavorative (indipendentemente dall'orario) continuando a godere dell'intera retribuzione.

Sebbene nessuna norma di legge preveda espressamente anche la facoltà di frazionare i permessi giornalieri ad ore, a seguito del messaggio Inps numero 16866 del 28 giugno 2007 essa deve oggi ritenersi ormai pacificamente ammessa.

Algoritmo di calcolo

Nel sancire la frazionabilità ad ore dei permessi ex legge 104, l'Istituto previdenziale ha anche chiarito quale algoritmo di calcolo deve essere utilizzato per quantificare con precisione le ore di permesso.

In particolare, dopo aver diviso l'orario normale settimanale di lavoro per i giorni lavorativi settimanali, occorre moltiplicare il risultato per tre per scoprire il numero di ore di permesso delle quali è possibile usufruire in un mese.

Trasformando quanto detto in una formula, l'algoritmo da utilizzare è il seguente:

(orario normale di lavoro settimanale / numero dei giorni lavorativi settimanali) x 3 = ore mensili fruibili

Per comprendere meglio prendiamo ad esempio l'ipotesi classica di orario di lavoro pari a 40 ore settimanali articolate su 5 giorni: in tal caso, il numero di permessi orari dei quali può usufruire un lavoratore beneficiario delle tutele di cui alla legge 104 è 24. Infatti:

(40/5) x 3 = 24


Valeria Zeppilli
Consulenza Legale
Laureata a pieni voti in giurisprudenza presso la Luiss 'Guido Carli' di Roma con una tesi in Diritto comunitario del lavoro. Attualmente svolge la professione di Avvocato ed è dottoranda di ricerca in Scienze giuridiche – Diritto del lavoro presso l'Università 'G. D'Annunzio' di Chieti – Pescara
(02/01/2017 - Valeria Zeppilli) Foto: 123rf.com
In evidenza oggi:
» Conto corrente: i limiti al pignoramento delle somme versate dall'Inps
» Mantenimento non dovuto al figlio che non vuole lavorare
» Riforma pensioni 2019
» Alimenti ritirati dal ministero della Salute: la lista aggiornata
» Sì al pernotto dal papà anche se la mamma non vuole

Newsletter f g+ t in Rss