Sei in: Home » Articoli

Facebook: arriva il tasto per segnalare le "bufale"

Il social network dichiara ufficialmente guerra alle notizie false
tenere con le mani cartello con like facebook

di Marina Crisafi – Addio alle bufale su Facebook. Il social network ha dichiarato ufficialmente guerra alle "fake news", consentendo agli utenti d'ora in poi di segnalare una notizia che ritengono sospetta ad un team (di fact-checker) che ne verificherà l'attendibilità. Ad annunciarlo è lo stesso Mark Zuckerberg sul proprio account social, spiegando la nuova strategia messa in atto per risolvere il problema. L'annuncio arriva dopo le numerose critiche mosse a Facebook durante le ultime elezioni americane. Il social infatti è stato accusato addirittura di aver diffuso notizie false o non verificate per favorire la vittoria di Donald Trump.

"Noi rappresentiamo un nuovo tipo di piattaforma per il discorso pubblico – ha spiegato il numero uno di Facebook – e questo significa che abbiamo un nuovo tipo di responsabilità per consentire alle persone di avere conversazioni significative" e per costruire "una comunità più informata – dando – voce a tutte le persone".

L'idea, in parole povere, è quella di un pulsante "antibufala", che sarà testato già nei prossimi giorni e che consentirà agli utenti di segnalare le notizie che ritengono poco credibili. Queste verranno inviate ai fact-checking (una serie di gruppi di informazione (come Snopes e Abc News), i quali sceglieranno se contrassegnarle come dubbie. In tal caso, le notizie rimarranno comunque nel "news feed" ma "bollate" come bufale, con una visibilità ridotta e insieme ad un link che ne spiegherà la natura.

(16/12/2016 - Marina Crisafi) Foto: 123rf.com
In evidenza oggi:
» Conto corrente cointestato: può essere donazione indiretta
» Resto al Sud: 200mila euro da gennaio ai giovani
» Avvocati: ecco le nuove tariffe
» Quanti sono i tentativi di vendita nelle aste di beni immobili?
» Mantenimento figli: le linee guida del Cnf sulle spese ordinarie e straordinarie


Puoi trovare o lasciare commenti anche nei post che trovi nella nostra Pagina Facebook
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF