Sei in: Home » Articoli
 » Multe

Scout speed: niente multa senza contestazione immediata

Per il giudice di pace di Firenze, la contestazione immediata è un principio fondamentale e occorre un maggior rigore nel procedimento di irrogazione della sanzione
Vigile in atto a elevare una contravvenzione

di Valeria Zeppilli – La contestazione immediata deve considerarsi un "principio fondamentale per le infrazioni al codice della strada" e ciò rende necessario un "maggior rigore nel procedimento di irrogazione della sanzione".

Con queste parole, riscontrabili nella sentenza numero 654/2016 qui sotto allegata, il giudice di pace di Firenze ha annullato una sanzione amministrativa elevata a seguito di eccesso di velocità rilevato tramite Scout Speed.

Per il giudice, infatti, l'adeguatezza della segnaletica o dell'informazione preventiva in caso di rilevazione automatica dell'illecito rappresenta un presupposto essenziale per accertare una violazione consapevole della norma da parte dell'utente della strada ed assolvere, così, allo scopo di educarlo (oltre che ovviamente a quello di punirlo).

Nel caso di specie, invece, lo Scout Speed non era stato adeguatamente segnalato e l'impossibilità di contestazione immediata era quindi solo precostituita e pertanto illegittima.

A nulla è valso, dinanzi a tale circostanza, il fatto che lo strumento fosse stato approvato in via amministrativa dagli organi competenti e che quindi, con una norma di rango inferiore a quello della legge, ne fosse stato consentito l'uso in movimento.

La sanzione, insomma, non va pagata. Lo stesso, però, non può dirsi per le spese del proprio avvocato dato che, vista la novità della questione, il giudice di pace ha ritenuto di compensarle.

Si ringrazia il dott. Giorgio Marcon per la cortese segnalazione

GdP Firenze testo sentenza numero 654/2016
Valeria Zeppilli
Consulenza Legale
Laureata a pieni voti in giurisprudenza presso la Luiss 'Guido Carli' di Roma con una tesi in Diritto comunitario del lavoro. Attualmente svolge la professione di Avvocato ed è dottoranda di ricerca in Scienze giuridiche – Diritto del lavoro presso l'Università 'G. D'Annunzio' di Chieti – Pescara
(19/11/2016 - Valeria Zeppilli)
In evidenza oggi:
» Addio divorzio breve, arriva la mediazione
» Bestemmia: multa solo per chi offende Dio
» Pensione invalidità solo ai residenti in Italia
» Processo civile telematico: le novità in vigore da oggi
» Il diritto di critica politica come esimente del reato di diffamazione

Newsletter f g+ t in Rss