Sei in: Home » Articoli
 » Avvocatura

Avvocati: albi online senza segreti

Sul web anche Cv dei legali. Entra in vigore domani il regolamento relativo alle modalità di tenuta e aggiornamento degli albi forensi. Ora il Cnf ha 2 anni di tempo
avvocato stile retro che guarda fuori sinonimo evoluzione professione

di Valeria Zeppilli – Entra in vigore domani, 27 settembre, il decreto numero 178/2016, contenente il regolamento relativo alle disposizioni per la tenuta e l'aggiornamento, da parte dei consigli dell'ordine degli avvocati, di albi, elenchi e registri (pubblicato in G.U. il 12 settembre scorso e qui sotto allegato).

Tale regolamento riguarda anche le modalità di iscrizione e trasferimento, i casi di cancellazione e le impugnazioni dei provvedimenti adottati in tema dai medesimi COA. 

Una delle novità più interessanti è però rappresentata dal fatto che, presto, gli albi, gli elenchi e i registri saranno consultabili solo online, per il tramite di un sistema informatico centrale gestito dal CNF. 

Il Consiglio nazionale forense metterà ovviamente a disposizione degli ordini territoriali tutte le funzioni di ricezione, accettazione e gestione dei dati e dei documenti informatici. 

Conseguenza dell'introduzione degli albi online è la possibilità per il pubblico di consultare tutti i dati relativi ai professionisti iscritti, ovverosia i dati anagrafici, il domicilio professionale, il recapito telefonico, l'indirizzo p.e.c., l'eventuale sito internet di studio, la data di iscrizione all'albo, l'eventuale partecipazione ad associazioni o a società tra avvocati, l'eventuale iscrizione all'elenco nazionale degli avvocati disponibili ad assumere le difese d'ufficio, l'eventuale iscrizione all'albo speciale per il patrocinio davanti alle giurisdizioni superiori, lo svolgimento dell'attività di mediatore e l'iscrizione agli elenchi dei gestori della crisi da sovraindebitamento

In realtà, affinché tale novità diventi effettiva occorre attendere ancora un po': per la realizzazione del sistema informatico centrale, infatti, il CNF ha due anni di tempo

Entro un anno, però, dovrà adottare le specifiche tecniche del sistema online, una volta sentiti sia il garante per la protezione dei dati personali che i consigli dell'ordine territoriali. Ciò vuol dire che entro il 27 settembre 2017 avremo, almeno, delle indicazioni circa i flussi informativi, le modalità di accesso al sistema, la sua architettura di funzionamento, le misure di sicurezza e così via.

Un altro termine ancora riguarda, infine, la fissazione da parte del Ministero della giustizia delle modalità telematiche e automatizzate con le quali gli andranno trasmessi gli indirizzi e i dati identificativi degli avvocati: per questa ci sono 18 mesi di tempo.

Decreto n. 178/2016
Valeria Zeppilli
Consulenza Legale
Laureata a pieni voti in giurisprudenza presso la Luiss 'Guido Carli' di Roma con una tesi in Diritto comunitario del lavoro. Attualmente svolge la professione di Avvocato ed è dottoranda di ricerca in Scienze giuridiche – Diritto del lavoro presso l'Università 'G. D'Annunzio' di Chieti – Pescara
(26/09/2016 - Valeria Zeppilli) Foto: 123rf.com
In evidenza oggi:
» Avvocati: perché portano la toga nera?
» Avvocati matrimonialisti, boom di matrimoni tra over70 e badanti
» Processo civile telematico: serve l'attestazione di conformità per la copia cartacea della notifica via Pec
» Avvocati: dal 1° marzo comunicazione telematica per gli adempimenti di lavoro
» Divorzio: quando la moglie deve restituire il 50% delle rate del mutuo pagate per intero dal marito?


Puoi trovare o lasciare commenti anche nei post che trovi nella nostra Pagina Facebook
Newsletter f g+ t in Rss