Sei in: Home » Articoli

Usucapione tra figli e genitori?

Ecco cosa dice la giurisprudenza
Modellino di casa su due mani

di Annamaria Villafrate - E' possibile che l'usucapione avvenga anche tra prossimi congiunti come nel caso di genitori e figli?

Iniziamo da una premessa: L'usucapione Ŕ un istituto introdotto dal legislatore per tutelare la proprietÓ e premiare chi si prende cura dei beni. L'istituto pu˛ avere a oggetto beni mobili, mobili registrati, universalitÓ di beni mobili, immobili (edifici, terreni, case, appartamenti) e persino ereditÓ (Vedi la guida legale sull'istituto dell'usucapione).

Gli elementi costitutivi dell'usucapione sono il possesso e il trascorrere del tempo. In particolare il possesso deve essere esercitato con la convinzione e la volontÓ di tenere il bene per se. Il comportamento del possessore, dal punto di vista psicologico, deve quindi coincidere con quello del proprietario.

La diretta e immediata conseguenza di questo assunto Ŕ l'impossibilitÓ di usucapire un bene di cui si conosce il legittimo proprietario dal quale si Ŕ ricevuto l'incarico di occuparsene o il permesso di utilizzarlo.

Un esempio calzante di quest'ultima ipotesi si ha nel caso in cui i genitori concedano in comodato un'immobile ai propri figli. Il dubbio che sorge in questi casi Ŕ quindi il seguente: pu˛ un figlio usucapire una casa o un terreno di proprietÓ dei genitori?

L'usucapione della casa dei genitori

Poniamo il caso che due genitori concedano al loro figlio o figlia un appartamento o una casa in comodato d'uso gratuito senza stabilire alcun termine di consegna o comunque dando loro la disponibilitÓ di utilizzarlo fino a quando non saranno in grado di acquistarne una loro.

Nel caso in cui i genitori non ne chiedano mai la formale restituzione, il figlio pu˛ usucapire l'immobile ricevuto in comodato dopo ben 20 anni di utilizzo?

La sentenza n. 21 del 18.01.206 del Tribunale d'Aosta, in linea con la precedente pronuncia del 10.10.2011 del Tribunale di Bari, ha negato totalmente questa possibilitÓ, fondando il proprio ragionamento sugli atti di tolleranza. La motivazione in diritto del giudice ordinario parte dal presupposto che la concessione in comodato di immobili tra parenti Ŕ una consuetudine che in famiglia si mette in pratica da tempo. Tenendo conto altresý che l'usucapione non si verifica ogni qualvolta il proprietario (in questo caso i genitori), sia a conoscenza dell'utilizzo del bene da parte di terzi di cui ne "tollera" solamente il comportamento, ne discende l'impossibilitÓ per i figli di usucapire la casa o l'appartamento di mamma e papÓ.

Il legame di parentela stretta infatti fa presumere che i genitori, pur consapevoli dell'utilizzo dell'immobile da parte dei figli, non abbiano ceduto loro l'edificio per mero disinteresse, ma semplicemente per soddisfare una, pi¨ o meno temporanea, esigenza abitativa.

Per un approfondimento vedi la guida legale sull'istituto dell'usucapione

(21/09/2016 - Annamaria Villafrate)
In evidenza oggi:
» Arriva la riforma del processo civile
» Condominio: condannato chi urla di notte per far smettere di abbaiare i cani
» Il marito non ha il diritto di soddisfare i suoi istinti sessuali
» Condono fiscale 2019: come funziona la sanatoria
» Sý al pernotto dal papÓ anche se la mamma non vuole

Newsletter f g+ t in Rss