Sei in: Home » Articoli

Raccomandata indescritta: cos'è e come capirne il contenuto

Il colore dell'avviso di giacenza e il codice riportato su di esso aiutano a farsi un'idea di cosa possa contenere la busta
Donna confusa con mano sulla testa

di Valeria Zeppilli – Ognuno di noi, almeno una volta nella vita, avrà trovato nella cassetta della posta un avviso riportante la dicitura R.I., ovverosia "Raccomandata indescritta".

Cos'è la raccomandata indescritta

Si tratta, in sostanza, di una comunicazione con la quale il postino, che non ci ha trovato in casa, ci informa di aver tentato di consegnarci una raccomandata e ci offre le indicazioni necessarie per recuperarla.

Il recupero, generalmente, non è disponibile nell'immediato ma bisogna attendere almeno un giorno lavorativo. Il che, per le persone ansiose, equivale a un'eternità!

Nella raccomandata, infatti, potrebbe essere contenuto di tutto: da una semplice lettera, a una multa, a un atto giudiziario, a una cartella esattoriale.

Raccomandata indescritta: come capire cosa contiene

In attesa del ritiro (che può essere effettuato anche da soggetti diversi dal destinatario, lasciando una delega corredata del documento di identità di quest'ultimo) è però già possibile farsi un'idea di cosa effettivamente racchiuda la busta.

Raccomandata indescritta: occhio al colore della busta o dello scontrino

La prima cosa da fare è guardare al colore della busta o dello scontrino che ci sono stati lasciati, quali avvisi di giacenza, nella cassetta delle lettere: se questi sono bianchi o gialli si tratterà di una semplice comunicazione (ad esempio il risultato di un concorso o il verbale di una riunione condominiale) o di un pacco e, almeno in teoria, non ci sarà molto da preoccuparsi.

Diversa è l'ipotesi in cui nella cassetta venga lasciata una busta verde con la comunicazione del tentativo di consegna: in tal caso, infatti, quello che andremo a ritirare sarà un atto giudiziario, una multa o una cartella esattoriale e qualche grattacapo lo avremo sicuramente.

Il significato dei codici della raccomandata indescritta

Oltre al colore dell'avviso di giacenza, è consigliabile concentrare l'attenzione anche sul codice su di esso riportato, che circoscrive ancora di più le ipotesi che possono essere fatte circa il contenuto della raccomandata.

Ad esempio, i codici 12, 13 e 14 e i codici 050 e 056 indicano una raccomandata inviata da aziende o privati, nel primo caso semplice, nel secondo veloce.

I codici da 76 a 79, invece, identificano un atto giudiziario e quelli da 612 a 615 le comunicazioni bancarie o postali (anche in taluni casi hanno contrassegnato anche missive provenienti dall'Agenzia delle entrate). Il codice 616 una comunicazione dall'Agenzia delle entrate, dall'assicurazione, per mancato pagamento del bollo.

Il codice 670, infine, identifica le cartelle esattoriali emesse da Equitalia.

Per approfondimenti leggi: Raccomandate: ecco i codici che permettono di scoprirne il contenuto

Valeria Zeppilli
Consulenza Legale
Laureata a pieni voti in giurisprudenza presso la Luiss 'Guido Carli' di Roma con una tesi in Diritto comunitario del lavoro. Attualmente svolge la professione di Avvocato ed è dottoranda di ricerca in Scienze giuridiche – Diritto del lavoro presso l'Università 'G. D'Annunzio' di Chieti – Pescara
(13/06/2016 - Valeria Zeppilli)
In evidenza oggi:
» Cassazione: addio mantenimento se il figlio non cerca lavoro
» Anche quest'anno per Natale "regala" un avvocato
» Il falso ideologico
» Avvocati: ecco le nuove tariffe
» Quanti sono i tentativi di vendita nelle aste di beni immobili?


Puoi trovare o lasciare commenti anche nei post che trovi nella nostra Pagina Facebook
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF