Tramite l'Aci e, per alcune Regioni, l'Agenzia delle entrate è possibile controllare se si è in regola o meno con i pagamenti
perito che osserva con lente auto assicurazione

di Valeria Zeppilli - Il pagamento del bollo auto va fatto annualmente. Tuttavia, nessuna comunicazione ci ricorda che è giunto il momento di provvedervi, con la conseguenza che per poter essere in regola dobbiamo fare affidamento sulla nostra memoria.

Se però questa è labile, o se sorgono dubbi, non dobbiamo temere: sussistono infatti dei canali per poter scoprire quando bisognerà pagare di nuovo il bollo o se, per caso, non si è provveduto ad un pagamento ormai scaduto.

La risposta, infatti, può essere trovata recandosi presso gli uffici dell'ACI o dell'Agenzia delle entrate. Se non si vuole perdere tempo, poi, basterà connettersi dal proprio pc ai siti dei predetti uffici.

Su entrambi i portali è presente un'apposita sezione, nella quale, inserendo i dati relativi al veicolo e alla Regione di competenza, si possono visionare tutte le informazioni relative a tale tassa, delle quali abbiamo bisogno.

Se si risiede in Abruzzo, in Basilicata, in Campania, in Emilia Romagna, nel Lazio, in Liguria, in Lombardia, in Molise, in Puglia, in Sicilia, in Toscana, in Umbria, in Valle D'Aosta o nelle province autonome di Trento e Bolzano, poi, tramite il sito dell'ACI sarà addirittura possibile provvedere al pagamento. Sebbene quasi sempre con una maggiorazione pari all'1,2% dell'importo dovuto.

Se non si fa parte delle Regioni che possono beneficiare dell'alternativa Aci/Agenzia delle entrate, infine, non bisogna disperare: anche molti siti istituzionali regionali, infatti, mettono a disposizione delle utilità per la verifica del pagamento della tassa!

Vedi anche:
bollo auto
Articoli sul bollo auto
Valeria Zeppilli
Avv. Valeria Zeppilli (profilo e articoli)
Consulenza Legale
E-mail: valeria.zeppilli@gmail.com
Avvocato e dottore di ricerca in Scienze giuridiche, dal 2015 fa parte della redazione di Studio Cataldi -- Il diritto quotidiano. Collabora con la cattedra di diritto del lavoro, diritto sindacale e diritto delle relazioni industriali dell'Università 'G. D'Annunzio' di Chieti - Pescara.
Condividi
Feedback

Foto: 123rf.com
In evidenza oggi: