Sei in: Home » Articoli
 » Contratti

Prima casa: sì alle agevolazioni se venduta entro 5 anni e l'appalto per la nuova è su un terreno di proprietà

Per la Cassazione ciò che conta ai fini dell'esonero dalla causa di decadenza dal beneficio è solo che nel nuovo immobile si costituisca l'abitazione principale
Casa mutuo prestito

di Valeria Zeppilli – Con la sentenza numero 24253/2015, depositata il 27 novembre (qui sotto allegata), la sezione tributaria della Corte di cassazione ha precisato che il contribuente che rivende l'immobile acquistato entro cinque anni conserva le agevolazioni prima casa non solo se ne compra uno nuovo entro l'anno ma anche se appalta la costruzione della nuova abitazione su un terreno di sua proprietà.

Infatti, precisano i giudici, ciò che conta, ai fini dell'esonero dalla causa di decadenza dal beneficio, è solo che nel nuovo immobile si costituisca l'abitazione principale.

Così, ricorrendo tale circostanza, il contribuente può legittimamente continuare a godere dell'agevolazione fiscale anche in caso di acquisto a titolo originario, per accessione al terreno di sua proprietà, dell'immobile la cui realizzazione egli abbia affidato in appalto.

L'interpretazione estensiva della norma che esonera dalla decadenza dall'agevolazione tributaria in commento, del resto, era stata fornita anche dall'Agenzia delle Entrate, con la risoluzione numero 4/E del 16 marzo 2004.

Insomma, anche per l'amministrazione finanziaria il riferimento legislativo relativo al riacquisto di altro immobile da adibire a propria abitazione principale va inteso in senso ampio.

La Corte di cassazione, inoltre, con la sentenza in commento ha precisato anche che ai fini della conservazione delle agevolazioni prima casa non importa che il terreno sia stato acquistato anteriormente o successivamente rispetto all'alienazione del primo immobile adibito a "prima casa".

Corte di cassazione testo sentenza numero 24253/2015
Valeria Zeppilli
Consulenza Legale
Laureata a pieni voti in giurisprudenza presso la Luiss 'Guido Carli' di Roma con una tesi in Diritto comunitario del lavoro. Attualmente svolge la professione di Avvocato ed è dottoranda di ricerca in Scienze giuridiche – Diritto del lavoro presso l'Università 'G. D'Annunzio' di Chieti – Pescara
(30/11/2015 - Valeria Zeppilli)
In evidenza oggi:
» I figli hanno l'obbligo di mantenere i genitori?
» Omicidio stradale e guida in stato di ebbrezza: unico reato
» I figli hanno l'obbligo di mantenere i genitori?
» Auto carica di bagagli? Multe fino a 338 euro
» Arriva il decreto dignità


Puoi trovare o lasciare commenti anche nei post che trovi nella nostra Pagina Facebook
Newsletter f g+ t in Rss