Sei in: Home » Articoli

Negoziazione assistita: guida pratica alla stipulazione dell'accordo con fac-simili

L'iter, la forma, il contenuto e i modelli per esperire il procedimento
bilancia toga sentenza martello
Avv. Luisa Camboni -

La negoziazione assistita è un istituto nuovo che ha fatto il suo ingresso nel nostro ordinamento con il "decreto giustizia" n. 132/2014, convertito in Legge n. 162/2014 (per approfondimenti, leggi la guida legale all'istituto).

Nella seguente guida pratica, cerchiamo di comprendere cos'è, quale iter seguire, in quale forma deve presentarsi e quale contenuto deve avere una convenzione di negoziazione assistita e i modelli allegati utilizzabili.

Cos'è la negoziazione assistita?

Pur sempre rinviando alla guida di carattere generale, ricordiamo che la negoziazione assistita consiste in un accordo (c.d. convenzione di negoziazione) con il quale le parti in lite convengono di risolvere con la buona fede e la lealtà una controversia con l'assistenza di avvocati.

Essa è governata da una serie di principi, ovverosia:

- Lealtà e buona fede: gli avvocati e le parti sono tenute a comportarsi con lealtà e buona fede per risolvere in via amichevole la controversia;

- Riservatezza: agli avvocati e alle parti è fatto obbligo di tenere riservate le informazioni ricevute.

In particolare:

• le dichiarazioni rese e le informazioni acquisite nel corso della procedura non possono essere utilizzate nel giudizio avente in tutto o in parte il medesimo oggetto;

• gli avvocati delle parti e coloro che partecipano al procedimento non possono essere tenuti a deporre sul contenuto delle dichiarazioni rese e delle informazioni acquisite;

• a tutti coloro che partecipano al procedimento si applicano le disposizioni dell'art. 200 del c.p.p. e si estendono le garanzie previste per l'avvocato dalle disposizioni dell' art. 103 c.p.p. in quanto applicabili.

Quale iter deve essere seguito?

A questo punto è opportuno ripercorrere, brevemente, l'iter da seguire per attivare la negoziazione assistita.

L'avvocato deve, innanzitutto, informare il cliente della possibilità di ricorrere alla negoziazione assistita. Se la parte accetta, l'avvocato invia alla controparte l'invito a stipulare la convenzione di negoziazione. Tale invito deve essere sottoscritto, deve indicare l'oggetto della controversia e l'avvertimento che - in caso di mancata risposta entro 30gg o di rifiuto - ciò costituirà motivo di valutazione da parte del Giudice ai fini dell'addebito delle spese di giudizio, della condanna al risarcimento per lite temeraria ex art. 96 c.p.c. e di esecuzione provvisoria ex art. 642 c.p.c.

Il nostro legislatore ha, anche, previsto un'ipotesi di negoziazione assistita obbligatoria.

Si ricorda, inoltre, che il tentativo di esperire la negoziazione assistita è obbligatorio per chi intenda:

- esercitare in giudizio un'azione in materia di risarcimento del danno da circolazione di veicoli e natanti;

- proporre in giudizio una domanda di pagamento a qualsiasi titolo di somme non eccedenti euro 50.000.

In queste ipotesi l'esperimento del procedimento di negoziazione assistita costituisce condizione di procedibilità della domanda giudiziale.

L'improcedibilità deve essere eccepita dal convenuto, a pena di decadenza, o rilevata d'ufficio dal Giudice, non oltre la prima udienza

Il Giudice, quando rileva che la negoziazione assistita è già in corso, ma non si è conclusa, fissa la successiva udienza dopo la scadenza del termine previsto dalle parti nella convenzione per la durata della procedura di negoziazione.

Se, invece, la negoziazione non è stata esperita, il Giudice assegna alle parti il termine di 15 giorni per la comunicazione dell'invito a stipulare la convenzione e, contestualmente, fissa la successiva udienza dopo la scadenza del termine previsto dalle parti nella convenzione stessa.

Quando la condizione di procedibilità può ritenersi realizzata?

La condizione di procedibilità si considera realizzata se l'invito:

- non è seguito da adesione ;

- o è seguito da rifiuto entro 30 giorni dalla sua ricezione;

- ovvero quando è decorso il periodo di tempo stabilito dalle parti nella convenzione per la durata della procedura di negoziazione.

L'obbligatorietà dell'esperimento del procedimento di negoziazione assistita "non preclude la concessione di provvedimenti urgenti e cautelari, né la trascrizione della domanda giudiziale".

Qual è il contenuto dell'accordo?


Per quanto riguarda i contenuti, la convenzione di negoziazione assistita deve indicare:

- Termine: il termine concordato dalle parti per l'espletamento della procedura non può essere inferiore ad un mese e superiore a tre mesi prorogabile per ulteriori trenta giorni su accordo tra le parti;

- Oggetto: l'oggetto non può riguardare né diritti indisponibili, né materie di lavoro.

Sono questi, insomma, gli elementi minimi che la convenzione deve contenere per svolgere la funzione per la quale l'istituto è stato concepito.

Qual è la forma dell'accordo?

Per quanto riguarda, invece, la forma la convenzione deve rivestire, a pena di nullità, la forma scritta.

Essa deve concludersi con l'assistenza degli avvocati i quali hanno il potere di certificare l'autografia delle sottoscrizioni apposte all'accordo sotto la propria responsabilità professionale.

Qual è il ruolo dell'avvocato?


Il ruolo dell'avvocato nella procedura di negoziazione assistita è essenziale. Ha poteri ed obblighi cui deve scrupolosamente attenersi per non incorrere in illeciti deontologici e disciplinari. Essi sono:

- obbligatorietà all'assistenza per l'intero corso della procedura;

- poteri di autentica e certificazione delle sottoscrizioni autografe delle parti, della dichiarazione di mancato accordo, nonché della conformità dell'accordo alle norme imperative e all'ordine pubblico;

- dovere deontologico dell'avvocato di informare il cliente della possibilità di ricorrere alla convenzione di negoziazione assistita;

- obbligo procedurale di trasmettere, ai fini di raccolta dati e monitoraggio, copia dell'accordo raggiunto al proprio Consiglio, ovvero a quello dove l'accordo è stato raggiunto.

Quali i costi della procedura?


Vista la presenza obbligatoria dell'avvocato, le parti sono tenute a corrispondere il compenso per la prestazione professionale fornita dallo stesso. Si noti bene: in caso di negoziazione assistita obbligatoria, all'avvocato non è dovuto il compenso dalla parte che si trova nelle condizioni per l'ammissione al patrocinio a spese dello Stato.

Si ricorda, inoltre, che con decreto del ministro della giustizia pubblicato in G.U. l'8 gennaio scorso, sono state disciplinate le modalità per richiedere il credito d'imposta fino a 250 euro per la parte che ha corrisposto il compenso all'avvocato nell'ambito di uno o più procedimenti di negoziazione assistita conclusi con successo (leggi: "Negoziazione: da oggi via agli incentivi sui compensi ai legali. Ecco come presentare domanda e quali documenti allegare").


Deve essere pagato il contributo unificato?


La risposta a questo interrogativo è stata fornita dal Ministero della Giustizia, Dipartimento per gli Affari di Giustizia, con circolare n. 2309 del 13 marzo 2015.

Con riferimento al contributo unificato, il Ministero ha chiarito che nel procedimento di negoziazione assistita, il Procuratore della Repubblica svolge un'attività di controllo e verifica con caratteri di natura amministrativa in sintonia con lo spirito e la ratio della Legge che ha degiurisdizionalizzato la materia in oggetto, conseguentemente, deve essere esclusa la debenza del contributo unificato di iscrizione al ruolo al momento del deposito dell'accordo presso la Procura della Repubblica competente.

La negoziazione assistita soggiace alla sospensione feriale dei termini?


Quanto alla sospensione feriale, sempre nella circolare n. 2309 del 13 marzo 2015, il Ministero della Giustizia ha affermato che nel procedimento di negoziazione assistita non è applicabile la sospensione feriale dei termini processuali di cui all'art. 1, Legge 7 ottobre 1969 n. 742 e s.m.i., in coerenza con la natura del procedimento non giurisdizionale.

Come può concludersi la negoziazione?


La negoziazione assistita può concludersi:

- negativamente (mancato accordo) o

- positivamente (accordo raggiunto).

In caso di mancato accordo viene redatta la dichiarazione di mancato accordo che gli avvocati designati provvedono a certificare.

In caso di accordo raggiunto lo stesso deve essere:

- conforme alle norme imperative e all'ordine pubblico;

- sottoscritto dalle parti e dagli avvocati che le assistono.

Attenzione!!! Si ricorda che l'accordo raggiunto costituisce titolo esecutivo e per l'iscrizione di ipoteca giudiziale.

L'avvocato che impugni un accordo alla cui redazione ha partecipato commette illecito deontologico.

L'accordo deve essere integralmente trascritto nel precetto ai sensi dell'articolo 480, secondo comma, c.p.c.


Modelli


Fac-simile di invito alla negoziazione assistita

Racc. a/r Spett.le/Egr.

_______

Oggetto: Invito alla stipula di una convenzione di negoziazione assistita ex artt. 2 e 3 D.L. n.132/2014

Io sottoscritto Avv. _________________ (C.F.: ______________ – Fax: ______________ – P.e.c.: _______________), con studio in ____________, via __________ n. ___, in nome e per conto del Sig. ___________, nato a ______________, il _______ e residente in ____________ via __________ n. __ (C.F.: ____________), come da nomina in calce al presente atto, rappresento quanto segue.

Premesso

- che _________________ (breve descrizione delle ragioni di fatto alla base della controversia in essere)

Tutto ciò premesso con la presente si formula espressamente

Invito

ai sensi degli artt. 2 e ss. del d.l. 132/2014, convertito con la l. 162/2014, a procedere a negoziazione assistita per la risoluzione della vertenza sopra descritta.

Ai sensi dell'art. 4 del citato decreto, si avverte espressamente che la mancata risposta al presente invito entro trenta giorni dalla ricezione o il suo rifiuto può essere valutato dal giudice ai fini delle spese del giudizio e di quanto previsto dagli articoli 96 e 642, primo comma, del codice di procedura civile.

La sottoscrizione in calce del Sig.______________ è da me autenticata, con la firma della presente, ai sensi dell'art. 4, comma 2, d.l. 132/2014.

Luogo, data

Firme

Fac-simile convenzione di negoziazione assistita

Il sig. _________, nato a ____________, il __________ e residente in _____________ alla via _____________ n. __ (C.F.: ____________________), elettivamente domiciliato ai fini del presente procedimento di negoziazione assistita in _______________, alla via _____________ n. ____ presso e nello studio dell'Avv. _________________ del Foro di _________________ (C.F.: ______________ - p.e.c.: ___________ e P. Iva__________________) che lo assiste

e

il sig. _________, nato a ____________, il __________ e residente in _____________ alla via _____________ n. __ (C.F.: ____________________), elettivamente domiciliato ai fini del presente procedimento di negoziazione assistita in _______________, alla via _____________ n. ____ presso e nello studio dell'Avv. _________________ del Foro di _________________ (C.F.: ______________ - p.e.c.: ___________ e P. Iva__________________) che lo assiste

premesso

- che tra le parti sussiste la seguente controversia ______________ (indicarne l'oggetto);

- che tale controversia non è oggetto di alcun procedimento giurisdizionale;

- che il sig. __________, con missiva del _______, ha invitato il sig. ________ ad aderire a una convenzione di negoziazione assistita da uno o più avvocati, al fine di evitare una controversia giudiziaria per la tutela del diritto di cui lo stesso sig. _________ ritiene di essere titolare;

- che il sig. __________, con missiva del _______, ha aderito al predetto invito;

Tutto ciò premesso, i sig.ri _________ e _______

Dichiarano

– che la controversia tra loro in essere non attiene alla materia del lavoro e non riguarda diritti indisponibili;

(- che con riferimento all'oggetto della predetta controversia il tentativo di negoziazione assistita è condizione di procedibilità dell'azione giudiziaria;)

– che gli avvocati __________ e ________ che assistono, rispettivamente, il sig. ___________ e il sig. ______________ li hanno avvertiti della possibilità di ricorrere all'istituto della negoziazione assistita da uno o più avvocati;

- che sono consapevoli che l'accordo eventualmente concluso all'esito della negoziazione costituisce titolo esecutivo e titolo per l'iscrizione di ipoteca giudiziale;

- che sono consapevoli che se concluderanno un contratto o compiranno un atto soggetto a trascrizione, la sottoscrizione del processo verbale di accordo dovrà essere autenticata da un pubblico ufficiale a ciò autorizzato;

- che sono consapevoli che dal momento della comunicazione dell'invito a concludere la convenzione di negoziazione assistita, e comunque dal momento della sottoscrizione della presente convenzione, si producono gli effetti della domanda giudiziale sulla prescrizione dei diritti oggetto di negoziazione;

- che sono consapevoli che dal momento della comunicazione dell'invito a concludere la convenzione di negoziazione assistita, e comunque dal momento della sottoscrizione della presente convenzione, è impedita, per una sola volta, la decadenza dei medesimi diritti.

Tutto ciò premesso le parti

convengono

- di impegnarsi a cooperare per risolvere in modo bonario la suddetta controversia con l'assistenza dei rispettivi avvocati;

– di ricorrere, a tal fine, alla procedura di negoziazione assistita da uno o più avvocati, di cui agli artt. da 2 a 11 del d.l. n 132/2014;

- che tale procedura dovrà svolgersi entro il termine di giorni ____ (compreso tra uno e tre mesi), a decorrere dalla sottoscrizione della presente convenzione;

- che è fatta salva la possibilità di prorogare per iscritto il predetto termine di un mese;

- che la negoziazione si articolerà in almeno ______ incontri dei quali sarà redatto verbale da sottoscrivere in quattro originali;

- che sarà possibile disporre approfondimenti istruttori;

- che sarà possibile interpellare terzi se ritenuto da tutti necessario;

- che la procedura potrà concludersi anticipatamente per condiviso riconoscimento dell'impossibilità di addivenire a un accordo;

- di rispettare i principi di buona fede, lealtà e affidamento;

- di impegnarsi a tenere riservate le informazioni acquisite durante la procedura di negoziazione e che tale impegno è esteso anche ai loro avvocati;

- che le spese legali per la procedura di compensazione sono compensate tra le parti, salvo diverso accordo.

Luogo, data ________

Firme ________ (parti e avvocati)


Fac-simile accordo a seguito di convenzione di negoziazione assistita

Il sig. _________, nato a ____________, il __________ e residente in _____________ alla via _____________ n. __ (C.F.: ____________________), elettivamente domiciliato ai fini del presente procedimento di negoziazione assistita in _______________, alla via _____________ n. ____ presso e nello studio dell'Avv. _________________ del Foro di _________________ (C.F.: ______________ - p.e.c.: ___________ e P. Iva__________________) che lo assiste

e

il sig. _________, nato a ____________, il __________ e residente in _____________ alla via _____________ n. __ (C.F.: ____________________), elettivamente domiciliato ai fini del presente procedimento di negoziazione assistita in _______________, alla via _____________ n. ____ presso e nello studio dell'Avv. _________________ del Foro di _________________ (C.F.: ______________ - p.e.c.: ___________ e P. Iva__________________) che lo assiste

premesso

- che il sig. _______________ afferma che _________________ (ragioni a sostegno delle pretese dello stesso);

- che il sig. _____________, per contro, afferma che _________ (ragioni a sostegno delle difese dello stesso);

- che entrambe le parti hanno cooperato in buona fede e lealmente al fine di addivenire a una composizione bonaria della controversia;

- che a tal fine gli stessi sono stati assistiti dai rispettivi legali avv. ___________ e avv. _________;

- che le parti hanno sottoscritto in data _________ una convenzione di negoziazione assistita;

- che le parti hanno raggiunto un accordo per risolvere in maniera bonaria la controversia tra esse in atto;

tutto ciò premesso

le parti convengono e stipulano quanto segue:

- la premessa è da intendersi parte integrante del presente accordo;

- il sig. ___________ si impegna a ____________;

- il sig. ______________ si impegna a sua volta a ___________;

- le parti accettano i reciproci impegni e si dichiarano soddisfatte;

- i sig.ri __________________ e _____________

dichiarano di non aver più nulla a pretendere l'uno nei confronti dell'altro in relazione alla controversia in oggetto, ad eccezione di quanto dagli stessi stipulato con il presente accordo;

- che le spese legali per la presente procedura di negoziazione assistita sono compensate (oppure che le spese legali previste per la presente procedura sono a carico di _________);

- che gli avv.ti __________ e __________, nel sottoscrivere il presente accordo, rinunciano al vincolo di solidarietà e certificano l'autografia dei propri rispettivi assistiti e la conformità del presente accordo alle norme imperative e di ordine pubblico.

Luogo, data______

Firme ___________ (parti e avvocati)

Avv. Luisa Camboni

Via L. Garau, 22 09025 Sanluri (VS)

Tel./Fax: 0707567928 cell.:3281083342

Mail:avv.camboni@tiscali.it

Vedi anche nella guida di procedura civile:
La negoziazione assistita - (La convenzione - il procedimento - la negoziazione obbligatoria - la negoziazione in materia di separazione e divorzio - il ruolo degli avvocati - I fac-simili)
Avv. Luisa Camboni - Studio Legale Avv.Luisa Camboni
Via Muraglia 57 09025 Sanluri (CA)
Tel/Fax 070 7567928
cell. 328 1083342 - mail: avv.camboni@tiscali.it - » Altri articoli dell'Avv. Luisa Camboni
Lo studio legale dell'Avv. Luisa Camboni offre disponibilità per domiciliazioni nel Foro di Cagliari e nel Foro di Oristano. L'Avv. Camboni offre anche un servizio di consulenza legale a pagamento.
» Scrivi all'Avv. Luisa Camboni «
(31/01/2016 - Avv.Luisa Camboni)
In evidenza oggi:
» Avvocati d'ufficio: onorari non pagati compensabili
» Il Ctu deve essere pagato da tutti
» Inps: 5mila borse di studio per imparare le lingue
» Assegno di invalidità: l'accertamento dei requisiti per il riconoscimento
» Avvocati: contributi fino a 1.500 euro per strumenti informatici


Puoi trovare o lasciare commenti anche nei post che trovi nella nostra Pagina Facebook
Newsletter f g+ t in Rss