Sei in: Home » Articoli

AAA Contadini cercasi in Canton Ticino. Paga mensile oltre 3mila euro

La Svizzera assume agricoltori con un minimo “salariale” di 2.200 euro per il primo mese e 3.100 euro dal secondo in poi
campagna agricoltura colono

di Marina Crisafi - Oltre 3mila euro al mese per lavorare i campi in Svizzera. È questa l'offerta che arriva precisamente dal Canton Ticino, dove le aziende agricole si sono ritrovate con carenza di manodopera locale (spesso compensata dal ricorso agli immigrati) e sono alla disperata ricerca di personale.

Una proposta di lavoro che, di questi tempi, potrebbe fare gola, non soltanto agli agricoltori, stuzzicando l'interesse anche dei disoccupati italiani e, data la vicinanza, soprattutto di molti frontalieri.

Si parla infatti di un salario di 2300 franchi per il primo mese e  di 3200 dal secondo in poi: il “minimo legale salariale” come spiega il segretario dell'unione contadini ticinesi Sem Genini, “previsto dai contratti di categoria”. Il che tradotto in euro, significa uno stipendio di 2.200 per il primo mese di lavoro e di 3.100 a partire dal secondo.

Intanto, per sopperire alla carenza di braccianti, professione poco “gradita” agli svizzeri, nei giorni scorsi l'Unione svizzera dei contadini insieme al segretariato di Stato ha avviato un progetto pilota in 10 fattorie assumendo i rifugiati per integrarli nella Confederazione, sgravando così gli enti locali dei relativi costi di mantenimento.

 

Condividi
Seguici

(31/05/2015 - Marina Crisafi)
In evidenza oggi:
» Auto: multe da 712 euro per chi circola con targa estera
» Asili e case di riposo: in arrivo le telecamere
» Bruciare rami e sterpaglie è reato?
» Arriva il certificato di successione
» Inps: le somme pagate in più non vanno restituite

Newsletter f g+ t in Rss