Sei in: Home » Articoli

F24 elide: guida alla compilazione

Cos’è il modello F24 Elide, per cosa si usa e come si compila? Ecco la guida pratica alla compilazione con modello F24 Elide da utilizzare
modello F24 con lente su particolare

di Valeria Zeppilli - La presente guida persegue l'obiettivo di aiutare i contribuenti a compilare correttamente il modello F24 Elide. A tal fine, è necessario procedere con ordine, esaminando singolarmente ciascuna delle sezioni che lo compongono e chiarendo quali dati vanno inseriti in ognuna di esse.

Indice:

  1. Per cosa si usa il modello F24 Elide
  2. La sezione contribuente
  3. La sezione erario ed altro
  4. Modello F24 Elide

Per cosa si usa il modello F24 Elide

Innanzitutto occorre precisare che il modello F24 Elide è quello da utilizzare per pagare l'IVA per l'immatricolazione o la successiva voltura di autoveicoli, motoveicoli e loro rimorchi che sono stati oggetto di acquisto intracomunitario a titolo oneroso.

Ad esso si ricorre, poi, per le altre tipologie di pagamento per le quali non è prevista la compensazione con crediti ed è prevista l'indicazione di particolari elementi identificativi (come quelle per la registrazione dei contratti di locazione).

La sezione contribuente

La prima sezione del modello che deve essere compilata è quella dedicata ai dati del contribuente, che è il soggetto tenuto a effettuare il versamento.

In caso di registrazione del contratto di locazione, a tal fine occorre fare riferimento a quanto scritto nel contratto stesso. Può trattarsi sia del locatore che del conduttore anche se in genere è il proprietario che si fa carico di tale onere.

Più nel dettaglio, con riferimento al contribuente il modello F24 elide richiede l'inserimento dei seguenti dati:

· il codice fiscale

· il nome e il cognome della persona fisica o la denominazione di enti o società

· la data di nascita

· il sesso

· il comune di nascita, o semplicemente lo Stato, se estero

· la provincia di nascita o le lettere "EE" se è avvenuta all'estero

Vanno poi inseriti i dati relativi al domicilio fiscale del contribuente, ovverosia:

§ il comune

§ la provincia

§ l'indirizzo completo di numero civico

Altri soggetti

Il modello F24 Elide chiede anche di inserire il codice fiscale del coobbligato (al pagamento dell'imposta), dell'erede, del genitore, del tutore o del curatore fallimentare e il loro codice identificativo.

A tale ultimo proposito, l'elenco completo dei codici è reperibile sul sito dell'Agenzia delle entrate. Qui ricordiamo che, ad esempio, l'erede è identificato con il numero "07", il genitore/tutore con il numero "02" e il curatore fallimentare con il numero "03".

La sezione erario ed altro

La seconda sezione del modello da compilare è quella denominata "erario ed altro".

Essa prevede, innanzitutto, il riempimento delle caselle "codice ufficio" e "codice atto". Nella prima va indicato il codice che identifica l'ufficio destinatario del pagamento o quello che ha emesso l'atto, la seconda il codice dell'atto cui il pagamento si riferisce. Va precisato che se il pagamento riguarda più atti, andranno compilati più modelli F24.

Vi sono poi la casella "tipo" e le caselle "elementi identificativi".

Nella prima va indicata la tipologia di versamento per la quale è prevista l'indicazione di elementi identificativi, utilizzando i codici reperibili sul sito dell'Agenzia delle entrate.

Il rigo elementi identificativi è, invece, composto da 17 caselle. Ad esempio, nei contratti di locazione andranno inseriti il codice dell'Ufficio nelle prime tre caselle, le ultime due cifre dell'anno di registrazione del contratto nelle successive due caselle, la serie di atto nelle altre due caselle (ad esempio 03 per le scritture private), il numero di registrazione impresso nel timbro che l'Agenzia delle entrate appone sull'ultima facciata del contratto nelle successive sette caselle (se il numero è più corto di sette cifre, lo stesso andrà preceduto da tanti zeri quante sono le caselle mancanti per arrivare a sette) e, infine, l'eventuale sottonumero o tre zeri nelle ultime tre caselle. Si precisa che per i contratti stipulati antecedentemente al 2015 il codice identificativo era composto di 16 cifre e non di 17 come ora. Per evitare di fare errori è sempre opportuno ricavare il codice identificativo del proprio contratto di locazione dal documento rilasciato dall'Agenzia delle entrate.

I codici tributo e l'anno di riferimento

Il modello F24 elide, nella sezione erario ed altro richiede, infine, al contribuente di compilare le caselle codice (che identifica il tributo) e anno di riferimento (che andrà indicato con tutte e quattro le cifre che lo compongono).

Per tornare all'esempio del contratto di locazione, i codici tributo sono i seguenti:

1500 – 1^ Annualità

1501 – Annualità successive

1502 – Cessione del contratto di locazione

1503 – Risoluzione del contratto di locazione

1504 – Proroga del contratto di locazione

1505 – Bollo

1506 – Tributi speciali

1507 – Sanzioni ritardata registrazione prima registrazione

1508 – Interessi ritardata registrazione prima registrazione

1509 – Sanzioni ritardato pagamento annualità successive

1510 – Interessi ritardato pagamento annualità successive

Modello F24 Elide

Per eseguire un pagamento tramite F24 Elide non si può fare altro che utilizzare lo specifico modello.

Qui sotto alleghiamo quindi il file pdf che potrà essere utilizzato, avendo cura di non commettere errori nella compilazione, che potrebbero comportare conseguenze anche rilevanti.

Modello F24 Elide
Valeria Zeppilli
Consulenza Legale
Laureata a pieni voti in giurisprudenza presso la Luiss 'Guido Carli' di Roma con una tesi in Diritto comunitario del lavoro. Attualmente svolge la professione di Avvocato ed è dottoranda di ricerca in Scienze giuridiche – Diritto del lavoro presso l'Università 'G. D'Annunzio' di Chieti – Pescara
(26/10/2018 - Valeria Zeppilli) Foto: 123rf.com
In evidenza oggi:
» Arriva il certificato di successione
» Inps: le somme pagate in più non vanno restituite
» Inps: le somme pagate in più non vanno restituite
» Arriva il certificato di successione
» Tribunali: in arrivo migliaia di assunzioni e nuovi giudici

Newsletter f g+ t in Rss