Sei in: Home » Articoli

INPS: chiarimenti in materia di permessi a favore di persone con disabilità grave

inps id9672.png
L'Inps, con circolare n. 45 del 1° marzo 2011, fornisce, a seguito dell'entrata in vigore della legge n. 183 del 4 novembre 2010 (c.d. Collegato lavoro) - con la quale sono state introdotte nuove disposizioni sui permessi retribuiti a favore dei dipendenti che assistono familiari con disabilità grave - un quadro riepilogativo della disciplina in materia di permessi previsti dall'art. 33 della legge 104/1992. L'Istituto, illustrando le principali novità introdotte dalla citata legge, precisa che viene ristretta la platea dei soggetti legittimati a fruire dei permessi per assistere persone in situazione di disabilità grave; non è ammessa l'alternatività tra più beneficiari, in quanto i permessi possono essere accordati soltanto ad un unico lavoratore (unica eccezione è prevista per i genitori di figli con disabilità grave ai quali è riconosciuta la possibilità di fruire dei permessi in argomento alternativamente, sempre nel limite dei tre giorni per persona disabile); non sono più richiesti i requisiti della convivenza, della continuità ed esclusività dell'assistenza; il lavoratore ha diritto a scegliere, ove possibile, la sede di lavoro più vicina al domicilio della persona da assistere; viene prevista la decadenza dal diritto alle agevolazioni in caso di accertamento di insussistenza dei requisiti richiesti dalla normativa in materia; viene istituita una banca dati presso il Dipartimento della Funzione Pubblica relativa ai benefici in argomento.
(04/03/2011 - L.S.)
Le più lette:
» Ogni causa è incerta... e l'avvocato non lavora mai gratis
» Il dictum della Cassazione: è reato mettere le corna in casa alla moglie!
» Il pignoramento
» Pipì in strada, multa da 10mila euro
» Bonus nascita: dal 4 maggio le domande per gli 800 euro
In evidenza oggi
Bonus nascita: dal 4 maggio le domande per gli 800 euroBonus nascita: dal 4 maggio le domande per gli 800 euro
Controllare il conto degli avvocati viola la CEDUControllare il conto degli avvocati viola la CEDU
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF