Sei in: Home » Articoli

Stress-psicosomatico per lavoratore-telefonista della P.A.? Non ha diritto all'indennità

Con la sentenza n. 5732 del 7 aprile 2010, i giudici amministrativi del Tar Lazio hanno stabilito che non ha diritto all'indennità, il dipendente delle P.A. che, a causa dello stress lavorativo, aveva proposto ricorso al Tar per il riconoscimento del danno. I giudici amministrativi nel precisare che il soggetto che richiede il riconoscimento del danno deve “provare i fatti specifici, in relazione alle particolari modalità di svolgimento del servizio, che hanno causato le infermità”, hanno stabilito che “le modalità di svolgimento del servizio prestato dal ricorrente (telefonista) non appaiono, ontologicamente e funzionalmente, tali da poter ingenerare stress psicosomatici e/o problemi di postura ove tenuto conto della natura delle mansioni svolte nonché della normativa sulla sicurezza del lavoro di cui ogni datore di lavoro è tenuto a fare applicazione nelle strutture (il ricorrente non ha allegato né comprovato il mancato rispetto di tale normativa a cagione dell'insorgenza della infermità all'apparato scheletrico)”.
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF
(10/04/2010 - Luisa Foti)
Le più lette:
» Multe: quando scadono?
» Avvocati: gli errori che rischiano di ostacolare la carriera
» Lotteria degli scontrini in arrivo
» Catene di Sant'Antonio su Whatsapp: chi c'è dietro e chi ci guadagna
» Papa: ci vuole un "grande coraggio" oggi per sposarsi
In evidenza oggi.
Charlie Hebdo: esercizio del diritto di satira o lesione della dignità delle vittime?
Alcune considerazioni di Gino M.D. Arnone relative al macabro accostamento pietanze-morti sono tuttora valide dopo l'ennesima, ripugnante vignetta del settimanale satirico
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF