Sei in: Home » Articoli

Cassazione: non si può licenziare lavoratore in sciopero che blocca altri colleghi

sciopero id8237
Non è licenziabile il lavoratore in sciopero che impedisce ai colleghi non scioperanti di andare al lavoro. Lo afferma la Corte di Cassazione (sentenza n.7518/2010) chiarendo che tale comportamento, pur essendo illegittimo dato che compromette l'altrui diritto all'espletamento della prestazione lavorativa, non lede il rapporto fiduciario che lega il lavoratore all'azienda. I giudici del Palazzaccio ha così respinto il ricorso di una fabbrica che chiedeva la conferma del licenziamento inflitto ad un dipendente che aveva sostato per due ore davanti all'azienda in una giornata di sciopero tentando in tutti i modi di indurre i colleghi 'krumiri' a non andare al lavoro. L'operaio era stato subito licenziato e poi reintegrato dalla Corte d'Appello di Napoli. In Cassazion l'azienda ha sostenuto che il comportamento del lavoratore doveva ritenersi "di assoluta gravita'" e tale "da scuotere irrimediabilmente il vincolo fiduciario che qualifica il rapporto di lavoro". Respingendo il ricorso la Corte ha ricordato che se da un lato il picchettagio non poteva non definirsi illegittimo dato che anche in caso di sciopero resta "il diritto della parte datoriale alla prosecuzione dell'attivita' aziendale", la sanzione del licenziamento risulta eccessiva. La corte territoriale, spiegano gli Ermellini, ha legittimamente reintegrato il lavoroatore considerando che "il suo comportamento non era sfociato in atti di materiale violenza ai danni del compagno di lavoro il quale risultava fosse stato strattonato e fatto arretrare rispetto all'ingresso della fabbrica che aveva gia' varcato, senza che, tuttavia, fosse stato fatto segno di ulteriore violenza fisica". Manca dunque nel caso di specie "la giusta causa di licenziamento".
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF
(31/03/2010 - Roberto Cataldi)
Le più lette:
» Equitalia: chiedere il pagamento rateale non significa ammettere il debito
» Cassazione: non presentarsi all'udienza è remissione tacita di querela
» Stalking bancario: reato anche per l'incaricato dell'agenzia di recupero crediti
» Multe: quali sono i "vizi" che le rendono nulle?
» Risarcimento danni: in arrivo le tabelle uniche nazionali
In evidenza oggi
Colpo di frusta: niente risarcimento senza TacColpo di frusta: niente risarcimento senza Tac
Stalking bancario: reato anche per l'incaricato dell'agenzia di recupero creditiStalking bancario: reato anche per l'incaricato dell'agenzia di recupero crediti
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF