Sei in: Home » Articoli

Cassazione: promosso alcol test per strada. Non è invasivo e non lede la privacy

Lo screening veloce per verificare il tasso alcolemico non lede la privacy e non è invasivo. Lo stabilisce la Corte di Cassazione che promuove l'alcol test fatto per strada con apparecchi portatili come uno strumento in grado di "incrementare in modo significativo il numero delle persone controllate" e garantire una maggiore sicurezza sule strade. La Quarta sezione penale della Corte (sentenza 8805/2009) ritiene infatti legittimo l'accertamento direttamente sul posto (ossia sulla strada) con strumenti e procedure determinati dal regolamento. Di diverso avviso erano stati i giudici di merito che avevano assolto una automobilista indagata perchè l'alcol test fatto sulla strada le aveva riscontrato un tasso di alcolemia di 0,8 mg. Secondo il giudice non poteva considerarsi raggiunta la prova "dell'elemento costituitivo del tasso alcolemico". Su ricorso della Procura la Cassazione ha riesaminato il caso ed ha chiarito che "gli organi di polizia stradale possono sottoporre tutti i conducenti ad accertamenti qualititativi non invasivi o a prove, anche attraverso apparecchi portatili". La norma ha infatti "l'evidente scopo di fornire strumenti di screening veloci per incrementare in modo significativo il numero delle persone controllate garantendo il carattere non invasivo dell'esame e la riservatezza personale". Del resto, conclude la Corte "la gamma dei metodi utilizzabili e' molto ampia.
E' infatti consentito effettuare test comportamentali o utilizzare apparecchi portatili in grado di rilevare la presenza di alcool senza che cio' si accompagni alla quantificazione del valore". L'esito positivo degli accertamenti con gli apparecchi portatili, chiarisce infine la Corte "non cosituisce fonte di prova per l'accertamento del reato in stato di ebbrezza alcolica, ma rende solo legittimo il successivo accertamento tecnico mediante etilometro (strumentazione omologata), in grado di certificare, ai fini legali, il valore del tasso alcolemico nel sangue".
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF
(02/03/2009 - Roberto Cataldi)
Le più lette:
» Cassazione: il giudice non può mortificare gli avvocati con compensi irrisori
» Il figlio che non aiuta i genitori commette reato
» Diritto all'indennità di accompagnamento e Inps: la Cassazione accoglie la domanda
» Multe e bolli: come si rottamano e cosa si risparmia
» Il rifiuto della notifica di un atto giudiziario
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF