Sei in: Home » Articoli

Vietate le pellicce di cani e gatti: intervento del Ministero della Salute a tutela degli animali domestici

E? vietato utilizzare i cani e i gatti per la produzione di pellicce e capi di abbigliamento. Lo ha stabilito il Ministero della Salute con un?ordinanza del 4.12.02, pubblicata sulla Gazzetta Ufficiale dello scorso 20 gennaio. Si tratta di un provvedimento contenente una specifica disciplina cautelare per i cani e gatti domestici, al fine di impedire riprovevoli utilizzi commerciali delle relative pelli e pellicce. L?Italia, infatti, forte dell?assenza di una specifica normativa internazionale e comunitaria, sembra a tutt?oggi essere in cima alla triste classifica dei paesi che utilizzano ed importano pellicce di cani e gatti. L'ordinanza prevede severe sanzioni pecuniarie e sospensione della licenza ai trasgressori. Inoltre, chi viola il provvedimento Ŕ passibile di denuncia penale, la cui eventuale condanna.
E ancora: a norma dell?art. 650 Cod. Pen., chiunque noti sul territorio una violazione del provvedimento, pu˛ rivolgersi ad uno degli organi di polizia competenti e questi sono obbligati per legge ad intervenire.
(10/02/2003 - Roberto Cataldi)
Le pi¨ lette:
» Appropriazione indebita: guida legale con articoli e sentenze
» Il rifiuto di sottoporsi ad alcoltest pu˛ risultare non punibile
» Telefonia: reato attivare un servizio mai richiesto dal cliente
» Obbligare la moglie a discutere Ŕ reato
» Avvocato: niente responsabilitÓ per il solo fatto di aver commesso un errore
In evidenza oggi
Diritto alla salute del minore e affievolimento della responsabilitÓ del genitoreDiritto alla salute del minore e affievolimento della responsabilitÓ del genitore
Separazione: addebito al marito per l'amicizia intima che fa sospettare il tradimentoSeparazione: addebito al marito per l'amicizia intima che fa sospettare il tradimento
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF