Sei in: Home » Articoli

Islam: Cassazione, non si può portare all'estero il figlio per motivi di religione

Non si puo' portare il figlio minore all'estero per motivi di religione. Lo sottolinea la Cassazione in una sentenza della Sesta sezione penale con la quale ha disposto che un padre pakistano, Mohammad S., che, con il consenso della convivente residente in provincia di Trento aveva portato in Pakistan la figlia minore di quattro anni per farle passare un periodo di vacanza non facendola poi piu' tornare, dovra' essere processato in Italia per il reato di sottrazione di persona incapace. Per la Suprema Corte, che ha accolto il ricorso della Procura di Trento, non e' legittima "la condotta di un genitore che, disponendo pienamente ed unilateralmente della figlia minorenne sulla base di un'autorizzazione dell'altro genitore circoscritta ad un periodo di ferie, conduce la figlia in Pakistan e fa ritorno in Italia lasciandola in quel paese, asseritamente presso la sua famiglia di origine, al fine di educarla secondo i principi dell'Islam". Il caso e' nato dalla denuncia della convivente dell'uomo, Edith G. residente a Rifiano, che, pur avendo dato l'assenso al compagno di portare la loro bimba in Pakistan per un periodo di vacanza, non aveva piu' visto tornare la figlia perche', aveva spiegato il padre, era rimasta nel paese d'origine per essere educata alla religione islamica.La Corte d'appello di Trento, nel marzo 2005, dopo che l'uomo era stato condannato ad 1 anno di reclusione per il reato di sottrazione di minore dal Tribunale di Bolzano, aveva dichiarato il difetto di giurisdizione, sostenendo che il giudice italiano non era competente a decidere.
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF
(09/05/2007 - Adnkronos)
Le più lette:
» Equitalia: chiedere il pagamento rateale non significa ammettere il debito
» Cassazione: non presentarsi all'udienza è remissione tacita di querela
» Stalking bancario: reato anche per l'incaricato dell'agenzia di recupero crediti
» Multe: quali sono i "vizi" che le rendono nulle?
» Risarcimento danni: in arrivo le tabelle uniche nazionali
In evidenza oggi
Omicidio stradale: arriva una nuova riformaOmicidio stradale: arriva una nuova riforma
Scuola: addio alle sospensioni, per gli indisciplinati ci sono i lavori socialmente utiliScuola: addio alle sospensioni, per gli indisciplinati ci sono i lavori socialmente utili
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF