Sei in: Home » Articoli

Cassazione: avances infantili in ufficio? Si rischia il licenziamento

Può bastare un avances anche grossolana e infantile a far perdere il posto di lavoro. E' quanto stabilisce una sentenza della Corte di Cassazione (Sezione Lavoro Sent. n. 6621/2007) che ha confermato il licenziamento di un lavoratore “reo” di innocenti molestie verso una sua superiore gerarchica.
Anche se le molestie erano state poste in essere con modalità grossolane e infantili, la Corte ha ritenuto legittimo il licenziamento rilevando tra l'altro che il lavoratore si era vantato con i colleghi di stretta confidenzialità con la donna e di una “conoscenza intima”.
L'intraprendente lavoratore aveva sostenuto nel suo ricorso di non meritare il licenziamento sia perché le avances erano state infantili sia perché la posizione della donna che era un suo superiore gerarchico l'avrebbe comunque posta al riparo dal timore che un rifiuto potesse pregiudicare la sua posizione lavorativa.
Nel respingere il ricorso la Corte ha confermato la legittimità della sanzione rilevando che nella fattispecie è venuto meno "l'elemento fiduciario del rapporto di lavoro”.
(21/03/2007 - Roberto Cataldi)
Le più lette:
» Appropriazione indebita: guida legale con articoli e sentenze
» Il rifiuto di sottoporsi ad alcoltest può risultare non punibile
» Telefonia: reato attivare un servizio mai richiesto dal cliente
» Obbligare la moglie a discutere è reato
» Avvocato: niente responsabilità per il solo fatto di aver commesso un errore
In evidenza oggi
Avvocati e professionisti: è nata la prima polizza a tutela delle parcelleAvvocati e professionisti: è nata la prima polizza a tutela delle parcelle
Separazione: addebito al marito per l'amicizia intima che fa sospettare il tradimentoSeparazione: addebito al marito per l'amicizia intima che fa sospettare il tradimento
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF