Sei in: Home » Articoli

L'acquirente perde le agevolazioni fiscali se tarda nel trasferirsi nella nuova casa. Anche se la colpa è delle lungaggini burocratiche della PA

Il termine di 18 mesi per trasferirsi nella nuova casa acquistata non può subire deroghe anche se non è colpa del contribuente
giudice di plastilina con martello
Il termine di 18 mesi per trasferirsi nella nuova casa non può subire deroghe anche se il ritardo non è dovuto a colpa del contribuente ma a lungaggini burocratiche della P.A. che non hanno consentito di procedere per tempo alla ristrutturazione.
È quanto afferma la Corte di Cassazione con l'ordinanza n. 4800/2015 qui sotto allegata.

Secondo la Corte, infatti, i benefici fiscali si possono ottenere solo se il contribuente stabilisce la sua residenza nel Comune in cui si trova l'immobile nel termine di decadenza dei 18 mesi dal rogito. Nessun rilievo, sotto questo profilo, possono avere le lungaggini burocratiche.

La Cassazione ha così accolto un ricorso dell'Agenzia delle Entrate confermando un orientamento giurisprudenziale che non lascia spazio a dubbi: il trasferimento della residenza nel termine decadenza dei 18 mesi è un requisito imprescindibile che non dipende dalla volontà dell'acquirente.

E' stato così ribaltato un verdetto precedentemente emesso dalla Commissione Tributaria Regionale del Veneto che a sua volta aveva confermato una decisione della Commissione Tributaria Provinciale che aveva annullato la revoca del beneficio.

La Commissione Tributaria Provinciale inizialmente, nell'accogliere il ricorso, aveva ritenuto che le lungaggini burocratiche per il rilascio delle autorizzazioni edilizie per le opere di ristrutturazione costituissero "cause ostative sopravvenute, imprevedibili e non evitabili dal contribuente".

Secondo la Cassazione però "Le lungaggini burocratiche non riescono ad integrare la forza irresistibile ostativa al trasferimento nel Comune dove è ubicato l'immobile oggetto delle agevolazioni".

Qui di seguito in allegato il testo del provvedimento.

Cassazione Civile, testo ordinanza 4800/2015
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF
(12/03/2015 - N.R.)
Le più lette:
» Diritto all'indennità di accompagnamento e Inps: la Cassazione accoglie la domanda
» Telefonia: Vodafone e 3 dovranno rimborsare i clienti
» Tribunale di Milano: i redditi in nero del marito non contano ai fini dell'assegno alla ex
» Avvocati: sanzioni fino a 30mila euro per chi non identifica i clienti
» Il rifiuto della notifica di un atto giudiziario
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF