Sei in: Home » Articoli

Consiglio di Stato. In tema di rilascio o rinnovo del permesso di soggiorno, i legami familiari superano i precedenti penali

palazzo spada consiglio di stato
La sentenza del Consiglio di Stato n. 3661/2014, impone all'Amministrazione dell'Interno di soppesare adeguatamente, nella decisione sul rilascio o sul rinnovo del permesso di soggiorno, il diritto al ricongiungimento familiare del richiedente con gli eventuali precedenti penali dello stesso.

Nel caso di specie, per esempio, il sig. Guerra Gutierrez - immigrato peruviano residente in Italia assieme ai genitori e in procinto di costituire, sempre in Italia, un nuovo nucleo familiare -, vedeva negarsi dalla Questura di Milano il rinnovo del permesso di soggiorno, per causa dei suoi trascorsi giudiziari. Ricorso al TAR della Lombardia, lo stesso Guerra Gutierrez trovava però soddisfazione, con la "considerazione" da parte dei Giudici "che il provvedimento impugnato non teneva in debito conto i legami familiari dell'interessato". A tale sentenza, l'Amministrazione dell'Interno proponeva a sua volta appello, appello infine rigettato dal Consiglio di Stato, che - richiamando l'art. 5 comma 5 del T.U. 286/1998, così come integrato dal D.lgs. 5/2007 - ha di fatto confermato le motivazioni del TAR.

In conclusione, sottolineano i Giudici della terza sezione del Consiglio di Stato, i procedimenti penali a carico del richiedente, in casi simili, non possono agire come automatica causa ostativa al rilascio del permesso di soggiorno, essendo tenuta l'Amministrazione a valutare caso per caso se sia preminente l'interesse all'unità della famiglia ovvero quello alla sicurezza pubblica.
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF
(27/08/2014 - Mara M.)
Le più lette:
» Diritto all'indennità di accompagnamento e Inps: la Cassazione accoglie la domanda
» Telefonia: Vodafone e 3 dovranno rimborsare i clienti
» Tribunale di Milano: i redditi in nero del marito non contano ai fini dell'assegno alla ex
» Avvocati: sanzioni fino a 30mila euro per chi non identifica i clienti
» Il rifiuto della notifica di un atto giudiziario
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF