Sei in: Home » Articoli

Danno biologico per illegittima iscrizione d'ipoteca: equitalia e comune condannati al risarcimento

ipoteca

di Barbara Luzi - Decisione originale la numero 3013/2013 del Giudice di Pace di Lecce, Avv. Cosimo Rochira, che ha riconosciuto la lesione psico-fisica di una contribuente a seguito di un'iscrizione ipotecaria illegittima effettuata da Equitalia per tributi richiesti dal Comune di Lecce.
La contribuente ha depositato della documentazione tesa ad attestare l'iscrizione ipotecaria illegittima effettuata da Equitalia per conto del Comune di Lecce. I due enti da parte loro non sono riusciti a fornire prova contraria di quanto accaduto.
Il Giudice ha poi disposto una CTU sull'imprenditrice ed il perito nominato è giunto alla conclusione che poteva essere ricondotta a tale circostanza la "reazione traumatica da stress" che veniva lamentata dalla donna alla quale venivano riconosciuti tre giorni di invalidità temporanea assoluta, quaranta giorni di invalidità temporanea al 50% e venti giorni al 25% nonché le spese mediche sostenute a causa di tale evento. Equitalia e il Comune di Lecce sono stati pertanto condannati in solido al pagamento di Euro 2.059,50.
Sicuramente tale pronuncia farà discutere ed aprirà nel futuro ad altre richieste di tale genere ma rende giustizia nei confronti degli errori nei quali possono incorrere le PA che effettivamente possono causare, soprattutto in virtù del periodo economico che stiamo vivendo, un danno biologico per eventuali richieste illegittime.

Barbara Luzi - barbaraluzi@libero.it
Sito web dell'autore: www.polizialocaleweb.com

Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF
(28/09/2013 - Barbara Luzi)
Le più lette:
» La manovra è legge: tutte le novità punto per punto
» Cani che abbaiano in condominio: Il punto della giurisprudenza
» Legge Pinto: cosa accade ai procedimenti in corso al 1° gennaio 2016?
» Eredità: 10 cose da sapere per una consapevole pianificazione successoria
» Con la depressione si può avere la 104?
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF