Sei in: Home » Articoli

Cassazione: responsabile l'architetto che autorizza lavori non in linea con norme antisismiche

incidente infortunio
Sentenza Cassazione Civile, sezione sesta, n. 130 del 4 Gennaio 2013
I casi di responsabilità civile del professionista sono qualificati come tali attraverso l'analisi del fatto storico effettuata utilizzando criteri più stringenti rispetto a quelli normalmente usati per la valutazione della responsabilità civile del c.d. “uomo medio”: la legge presume che il professionista detenga una conoscenza della materia adeguata, e nel caso in cui egli agisca con negligenza, imprudenza ed imperizia generando conseguentemente un danno economico in capo al cliente è tenuto di conseguenza al risarcimento del danno.

Tale disciplina è integrata dall'articolo 2236 del codice civile che introduce un'attenuante per il professionista, il quale è chiamato a rispondere dei danni cagionati al proprio cliente soltanto in caso di dolo o colpa grave nell'unica eventualità che “la prestazione implica la soluzione di problemi tecnici di particolare difficoltà”. 

Nel caso di specie la Suprema Corte ha ritenuto sussistere responsabilità civile in capo ad un architetto, direttore e responsabile dei lavori portati avanti in un condominio, poiché le sue scelte professionali adottate in esecuzione delle opere non sono risultate conformi rispetto alla normativa antisismica vigente

Una volta accertata la sussistenza di responsabilità la Corte ha poi ritenuto congruo applicare, ai fini della quantificazione del risarcimento del danno a favore del condomino richiedente, un criterio basato sui costi previsti per l'esecuzione degli interventi di fatto non eseguiti, tenendo conto altresì dei pagamenti effettuati a favore dell'impresa appaltatrice.
Vai al testo della sentenza 130/2013
(01/02/2013 - Avv.Licia Albertazzi)
Le più lette:
» Reati: ecco tutti quelli che potranno essere estinti
» Riforma giudici di pace: le nuove competenze punto per punto
» Indennità di accompagnamento: la decorrenza del diritto alla prestazione
» Indennizzo diretto e carrozzerie non convenzionate: se la compagnia decurta il risarcimento applicando la penale, il giudice la condanna al residuo
» Tasso di mora usurario: conversione del mutuo oneroso in gratuito
In evidenza oggi
Cellulare alla guida: via la patente da subito e multe fino a 2.500 euro. Le novità in arrivoCellulare alla guida: via la patente da subito e multe fino a 2.500 euro. Le novità in arrivo
Sinistri stradali: l'auto va riparata integralmente anche se il danno supera il valore di mercatoSinistri stradali: l'auto va riparata integralmente anche se il danno supera il valore di mercato
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF