Sei in: Home » Articoli

Cassazione: l'addebito della separazione in caso di tradimento. La ripartizione dell'onere della prova

tradimento id8854
Sentenza Corte di Cassazione Civile, sezione prima, n. 23426 del 19 Dicembre 2012 - La sentenza in oggetto prende in esame l'istituto della separazione personale dei coniugi, ed in particolare fa riferimento al caso in cui uno dei due richieda l'addebito della separazione a carico dell'altro per ragioni legate alla violazione dei doveri di fedeltà coniugale.
L'addebito della separazione trova fondamento nell'articolo 151 codice civile, il quale prevede che essa debba essere espressamente richiesta, restando pur sempre onere del giudice valutare le circostanze di fatto che hanno spinto uno dei due coniugi a presentare relativa istanza.

Perchè la richiesta di addebito sia accolta occorre che i comportamenti adottati da uno dei due coniugi si siano verificati in epoca antecedente la pronuncia di separazione (o, in ogni caso, adottati in pendenza di regolare rapporto coniugale) e che gli stessi debbano essere la causa diretta che ha portato alla rottura del rapporto familiare.

La pronuncia di addebito ha numerosi risvolti pratici: ad esempio, la perdita del diritto a ricevere un assegno di mantenimento se l'avente diritto è proprio il coniuge responsabile. La Cassazione in questa pronuncia chiarisce che l'onere di provare il rapporto diretto (nesso causale) tra il comportamento adottato dal coniuge (nel caso di specie, l'infedeltà coniugale) ed il generarsi dello stato di “intollerabilità” della prosecuzione della convivenza grava sulla parte che richiede l'addebito stesso; è invece a carico del coniuge resistente la prova delle eccezioni processuali, ad esempio della non anteriorità del comportamento adottato rispetto al verificarsi dell'effettiva crisi coniugale, a nulla rilevando ipso iure ai fini dell'addebito il fatto dell'abbandono del tetto coniugale e le relazioni extraconiugali intervenute in epoca successiva.
Vai al testo della sentenza 23426/2012
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF
(22/01/2013 - Licia Albertazzi)
Le più lette:
» Telefonia: Vodafone e 3 dovranno rimborsare i clienti
» Avvocati: sanzioni fino a 30mila euro per chi non identifica i clienti
» Tribunale di Milano: i redditi in nero del marito non contano ai fini dell'assegno alla ex
» Avvocati: redditi sempre più bassi, è allarme
» Canone Rai: chi non vuole pagare nel 2017 deve dichiararlo entro dicembre
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF