Le controversie in materia di previdenza e assistenza obbligatorie

Per prestazioni previdenziali si devono intendere non solo quelle strettamente di natura pensionistica, ma anche quelle dirette a rilevare la posizione contributiva sia da parte dei lavoratori che delle aziende. Vi rientrano anche quelle di natura assistenziale, aventi ad oggetto l’accertamento delle condizioni di invalidità civile e quelle dirette alla liquidazione di prestazioni temporanee, quali la maternità e la disoccupazione.

L’art. 442 c.p.c. dispone che si applicano le disposizioni  del processo del lavoro nei procedimenti relativi a controversie che riguardano l’applicazione di norme su

:

-          le assicurazioni sociali,

-          gli infortuni sul lavoro e le malattie professionali,

-          gli assegni per nucleo familiare,

-          ogni altra forma di previdenza e assistenza obbligatorie,

-          gli obblighi di assistenza e previdenza (c.d. “volontaria”) derivanti da contratti e accordi collettivi.

Non è invece applicabile alla materia previdenziale, l’art. 410 c.p.c. che prevede l’obbligatorietà del preventivo tentativo di conciliazione. Infatti, tale articolo limita il preventivo ambito di applicazione alle controversie espressamente indicate dall’art. 409 c.p.c., tra le quali non sono comprese quelle previdenziali, oggetto di specifica disciplina agli artt. 442 e 443 c.p.c. (INPS mess. n. 434/2000).

Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF
Newsletter f g+ t in Rss