Sei in: Home » Guide Legali » Locazioni » Miglioramenti e addizioni

Miglioramenti e addizioni

Seguici su Facebook e su G. Plus
Guida sulle locazioni
(A cura di: Avv. Valeria Zatti e Dott.ssa Licia Albertazzi)

Miglioramento è qualsiasi modifica apportata alla struttura originale da parte del conduttore idonea a provocare un aumento di valore del bene locato. L'addizione, come suggerisce il termine, è invece un'aggiunta di una cosa al bene locato, facilmente distinguibile e che, nel caso sia separabile dal corpo principale, può essere portato via dall'inquilino uscente.

La legge (artt. 1592 e 1593) non vieta al conduttore di apportare miglioramenti o addizioni: si limita a regolare un ipotetico conflitto che potrebbe sorgere in sede di finita locazione. Il conduttore infatti, ove non sia possibile separare le addizioni dal bene locato, così come per i miglioramenti apportati, non ha diritto di richiedere alcun risarcimento al locatore-proprietario, salvo il consenso di questi e disposizioni specifiche derivanti dagli usi o da leggi speciali (si veda Cass. Civ., sent. n. 6094/2006: dopo aver ribadito i principi di cui sopra, la Suprema Corte ha statuito che il locatore può chiedere risarcimento del danno nel caso in cui le addizioni installate abbiano comportato un deterioramento della cosa).

Diritti e doveri del conduttore » Scadenza naturale del contratto e tacito rinnovo »
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF
Arricchisci questa guida con un tuo commento:
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss