Diritto del lavoro

Permessi legge 104: licenziato chi li usa col parente per meno del 20%

Per la Cassazione, tale condotta costituisce una violazione dei doveri di buona fede e correttezza idonea a legittimare il recesso per giusta causa
lavoro licenziamento

di Valeria Zeppilli – I permessi retribuiti ex lege 104 sono quelli dei quali i lavoratori possono beneficiare nel caso in cui siano affetti da disabilità grave o nel caso in cui debbano assistere dei familiari con handicap in situazione di gravità (leggi: "La legge 104: i permessi retribuiti. Ecco un breve vademecum. In allegato il testo della legge").

A volte capita, però, che di tale strumento venga fatto un uso del tutto improprio...difficile sarà comunque farla franca.

Con la sentenza numero 5574/2016, depositata il 22 marzo (qui sotto allegata), la Corte di Cassazione ha infatti ritenuto legittimo il licenziamento per giusta causa intimato a un lavoratore che, del totale dei permessi retribuiti concessigli ex lege 104, ne aveva utilizzati solo il 17,5% per assistere effettivamente il parente disabile.

Tale condotta, per i giudici, non solo rappresenta un'evidente irregolarità sia in termini di durata della permanenza sia in termini di fascia oraria, ma costituisce una vera e propria violazione dei doveri di buona fede e correttezza nell'esecuzione del contratto di lavoro, idonea a legittimare il recesso del datore di lavoro dal rapporto.

Già la Corte territoriale, del resto, aveva ritenuto che l'utilizzazione dei permessi mensili per scopi estranei a quelli per i quali gli stessi erano stati concessi rappresenta un comportamento grave e tale da far perdere al datore di lavoro la fiducia nei successivi adempimenti. Un comportamento idoneo, insomma, a giustificare il recesso per giusta causa.

Per il lavoratore, quindi, non c'è nulla da fare: il licenziamento intimatogli è pienamente legittimo.

Corte di cassazione testo sentenza numero 5574/2016
Valeria ZeppilliAvv. Valeria Zeppilli - profilo e articoli
bulletRichiedi una consulenza personalizzatabullet
E-mail: valeria.zeppilli@gmail.com
Laureata a pieni voti in giurisprudenza presso la Luiss 'Guido Carli' di Roma con una tesi in Diritto comunitario del lavoro. Attualmente svolge la professione di Avvocato ed è dottoranda di ricerca in Scienze giuridiche – Diritto del lavoro presso l'Università 'G. D'Annunzio' di Chieti – Pescara
(24/03/2016 - Valeria Zeppilli)
Le più lette:
» Avvocati: cassazionisti senza esami per tutti gli iscritti ante riforma
» Avvocati: albi online senza segreti
» Tribunale di Fermo: inammissibili i capitoli di prova se contengono le parole "vero che". Tu cosa pensi?
» Padre immaturo? Il figlio va con la madre
» Affitto: la cauzione va restituita anche in caso di danni
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
bottone newsletter Icona Facebook Icona Rss Icona Google plus Icona twitter Icona linkedin
Print Friendly and PDF