Permessi legge 104: licenziato chi li usa col parente per meno del 20%

Per la Cassazione, tale condotta costituisce una violazione dei doveri di buona fede e correttezza idonea a legittimare il recesso per giusta causa
lavoro licenziamento

di Valeria Zeppilli – I permessi retribuiti ex lege 104 sono quelli dei quali i lavoratori possono beneficiare nel caso in cui siano affetti da disabilità grave o nel caso in cui debbano assistere dei familiari con handicap in situazione di gravità (leggi: "La legge 104: i permessi retribuiti. Ecco un breve vademecum. In allegato il testo della legge").

A volte capita, però, che di tale strumento venga fatto un uso del tutto improprio...difficile sarà comunque farla franca.

Con la sentenza numero 5574/2016, depositata il 22 marzo (qui sotto allegata), la Corte di Cassazione ha infatti ritenuto legittimo il licenziamento per giusta causa intimato a un lavoratore che, del totale dei permessi retribuiti concessigli ex lege 104, ne aveva utilizzati solo il 17,5% per assistere effettivamente il parente disabile.

Tale condotta, per i giudici, non solo rappresenta un'evidente irregolarità sia in termini di durata della permanenza sia in termini di fascia oraria, ma costituisce una vera e propria violazione dei doveri di buona fede e correttezza nell'esecuzione del contratto di lavoro, idonea a legittimare il recesso del datore di lavoro dal rapporto.

Già la Corte territoriale, del resto, aveva ritenuto che l'utilizzazione dei permessi mensili per scopi estranei a quelli per i quali gli stessi erano stati concessi rappresenta un comportamento grave e tale da far perdere al datore di lavoro la fiducia nei successivi adempimenti. Un comportamento idoneo, insomma, a giustificare il recesso per giusta causa.

Per il lavoratore, quindi, non c'è nulla da fare: il licenziamento intimatogli è pienamente legittimo.

Corte di cassazione testo sentenza numero 5574/2016
Valeria ZeppilliAvv. Valeria Zeppilli - profilo e articoli
E-mail: valeria.zeppilli@gmail.com
Laureata a pieni voti in giurisprudenza presso la Luiss 'Guido Carli' di Roma con una tesi in Diritto comunitario del lavoro. Attualmente svolge la professione di Avvocato ed è dottoranda di ricerca in Scienze giuridiche – Diritto del lavoro presso l'Università 'G. D'Annunzio' di Chieti – Pescara
Print Friendly and PDF
newsletter
(24/03/2016 - Valeria Zeppilli) CommentiUltimi commentiCita nel tuo sito
Le più lette:
» Auto col finestrino abbassato: multa da 41 euro!
» Riforma processo esecutivo: via libera definitivo. Tutte le novità e il testo approvato
» Quando il pettegolezzo diventa reato
» Cassa Forense: l'obbligo di iscrizione potrebbe essere incostituzionale
» Decreti ingiuntivi: giudice obbligato a concedere la provvisoria esecuzione per le somme non contestate

Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus

Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
bottone newsletter Icona Facebook Icona Rss Icona Google plus Icona twitter Icona linkedin