Randagismo: è il comune a pagare i danni provocati dagli animali

La normativa in materia affida a tali enti il compito di prendere i provvedimenti necessari affinché i cani randagi non arrechino danni alle persone
cani

di Valeria Zeppilli – Con la sentenza numero 3974/2015 (qui sotto allegata), il Tribunale di Palermo ha ricordato che il Comune è tenuto a pagare i danni provocati dai cani randagi che circolano per la città.

La legge quadro sul randagismo, del resto, affida a tale ente il compito di organizzare la prevenzione e il controllo dei cani randagi.

I Comuni, quindi, in correlazione con gli altri soggetti indicati dalla legge (come le Asl), sono tenuti a prendere tutti i provvedimenti necessari a evitare che gli animali vaganti arrechino danni alle persone, nel territorio di loro competenza.

Così, nel caso di specie, il Comune di Monreale si è trovato condannato a risarcire i danni subiti da un motociclista a seguito della caduta causata dallo scontro con un cane randagio che attraversava la strada.

A sostegno della condanna, nella vicenda in esame si aggiungono peraltro le previsioni della legge della Regione Sicilia numero 15/2000 che, all'articolo 14, conferma in capo ai Comuni, singoli o associati, il compito di catturare i cani vaganti o randagi e di affidarli ai rifugi sanitari pubblici o convenzionati.

Si aggiunge, poi, il decreto dell'assessore per la sanità numero 2825 del 13 dicembre 2007, contenente le linee guida e le azioni mirate per il controllo del randagismo: esso, infatti, pone gli oneri di servizio della cattura dei cani randagi a carico dei Comuni.

Sulla base di tutti tali sostegni normativi, quindi, il Comune di Monreale non può che essere ritenuto responsabile dei danni riportati dal motociclista a seguito dello scontro con l'animale che indebitamente vagava su una strada comunale, non importa se randagio o smarrito.

Tribunale di Palermo testo sentenza numero 3974/2015
Valeria ZeppilliAvv. Valeria Zeppilli - profilo e articoli
E-mail: valeria.zeppilli@gmail.com
Laureata a pieni voti in giurisprudenza presso la Luiss 'Guido Carli' di Roma con una tesi in Diritto comunitario del lavoro. Attualmente svolge la professione di Avvocato ed è dottoranda di ricerca in Scienze giuridiche – Diritto del lavoro presso l'Università 'G. D'Annunzio' di Chieti – Pescara
(19/01/2016 - Valeria Zeppilli)
Le più lette:
» Avvocati di successo: le sei abilità necessarie
» Il peggior cliente che l'avvocato possa mai sperare di avere…
» Paga il danno da alienazione parentale la mamma che non fa vedere il figlio all'ex
» Avvocati: da Shakespeare a Oscar Wilde, i più celebri aforismi sul mondo dell'avvocatura
» Risarcimento in libri per la baby squillo dei Parioli
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
bottone newsletter Icona Facebook Icona Rss Icona Google plus Icona twitter Icona linkedin
Print Friendly and PDF