Sei in: Home » Articoli

No al divorzio breve in 6 mesi se i due ex si separano davanti al giudice, anche se poi si mettono d'accordo

Per il Tribunale di Milano, la separazione rimane giudiziale e il termine da applicare secondo la l. n. 55/2015 è quello annuale
separazione divorzio bollette poveri

di Marina Crisafi - Niente divorzio breve dopo sei mesi se la separazione rimane giudiziale, anche se nel corso del giudizio i due ex partner si mettono d'accordo. Non c'è infatti il mutamento del rito necessario e, dunque, per la richiesta di divorzio occorre attendere un anno. A chiarire l'aspetto disciplinato dall'art. 1 della l. n. 55/2015 che ha novellato l'art. 3 della storica legge sul divorzio n. 898/1970, è il Tribunale di Milano con un recente decreto emanato dalla prima sezione civile (presidente ed estensore Manfredini), rigettando la richiesta di cessazione degli effetti civili del matrimonio presentata da una coppia dopo 6 mesi dall'autorizzazione a vivere separati.

I due ex coniugi, infatti, avevano ottenuto l'autorizzazione nel dicembre dello scorso anno, in sede di comparizione davanti al presidente del tribunale, e il giudizio era proseguito davanti al giudice istruttore, finchè, alla fine di aprile, la coppia aveva raggiunto un accordo, precisato insieme le conclusioni e, successivamente, veniva emanata la sentenza.

Per il giudice meneghino, tuttavia, il raggiungimento dell'accordo non fa scattare il termine semestrale del divorzio breve previsto dalla riforma che deve ritenersi applicabile solo allorquando il procedimento di separazione nato come contenzioso si sia trasformato in consensuale con il mutamento del rito.

I due, quindi, dovranno rassegnarsi ad attendere il decorso di un anno dalla comparizione di fronte al presidente del tribunale per ottenere il divorzio.

Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF
(19/10/2015 - Marina Crisafi)
Le più lette:
» Cassazione: il giudice non può mortificare gli avvocati con compensi irrisori
» Il figlio che non aiuta i genitori commette reato
» Diritto all'indennità di accompagnamento e Inps: la Cassazione accoglie la domanda
» Multe e bolli: come si rottamano e cosa si risparmia
» Il rifiuto della notifica di un atto giudiziario
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF