Sì ai soldi ai partiti anche senza controlli. Via libera “lampo” del Senato alla legge

Palazzo Madama approva definitivamente il ddl Boccadutri che sblocca i soldi ai partiti tra le proteste del M5S
soldi corruzione

di Marina Crisafi - Tra soldi falsi lanciati in aula e cartelloni con la scritta “Boccadutri card”, il disegno di legge che sblocca il finanziamento ai partiti, congelato per gli anni 2013-2014 è passato al Senato con 148 voti a favore, 44 contrari e 17 astenuti.

Un via libera “lampo” che in poco più di due ore ha visto approvare una legge, già velocemente approvata dalla Camera, che ha messo tutti d'accordo (eccetto i senatori del M5S, unici a votare contro e l'astensione di Sel), senza bisogno di riletture e navette da una parte all'altra del Parlamento.

Così, respinte tutte le questioni pregiudiziali e gli oltre 200 emendamenti, il ddl Boccadutri è stato definitivamente approvato e gli oltre 45 milioni di euro dei finanziamenti relativi agli anni 2013-2014 confluiranno nelle casse dei partiti, nonostante il mancato esperimento del necessario controllo dei bilanci da parte della Commissione di garanzia.

Le somme, infatti, erano state “congelate” a fine luglio dagli uffici di presidenza di Camera e Senato, a causa della dichiarata impossibilità della Commissione ad hoc, istituita dalla legge del governo Letta per vigilare sulla correttezza dei bilanci, di eseguire i controlli previsti per carenza di personale.

Il ddl, oltre a sbloccare i fondi, prevede anche una maggiore dotazione di uomini e mezzi, con l'aggiunta di ulteriori 5 esponenti della Corte dei conti e di 2 dipendenti esperti nell'attività di controllo contabile provenienti dalle altre amministrazioni che andranno ad affiancare i 5 membri già previsti dalla legge Letta (provenienti dai vertici della Cassazione, della Corte dei Conti e del Consiglio di Stato), durando in carica 4 anni, con mandato rinnovabile una sola volta e senza compensi aggiuntivi.

A partire dal 2017, poi, in base al dettato della legge Letta, i fondi saranno aboliti.

(15/10/2015 - Marina Crisafi)
Le più lette:
» Avvocati di successo: le sei abilità necessarie
» Il peggior cliente che l'avvocato possa mai sperare di avere…
» Paga il danno da alienazione parentale la mamma che non fa vedere il figlio all'ex
» Avvocati: da Shakespeare a Oscar Wilde, i più celebri aforismi sul mondo dell'avvocatura
» Risarcimento in libri per la baby squillo dei Parioli
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
bottone newsletter Icona Facebook Icona Rss Icona Google plus Icona twitter Icona linkedin
Print Friendly and PDF