Sei in: Home » Articoli
 » Avvocatura

Associazioni multidisciplinari: anche i periti industriali tra i futuri colleghi degli avvocati

Il parere del Consiglio di Stato puntualizza che nelle associazioni multidisciplinari rientra anche tale categoria professionale
magistratura toga giudice sentenza toghe

di Marina Crisafi - Anche i periti industriali potranno far parte delle future associazioni tra avvocati. Ad affermarlo è il Consiglio di Stato, con il parere n. 1400 pubblicato il 23 settembre scorso, sullo schema di regolamento del Ministero della Giustizia attuativo delle previsioni dell'art. 4 della legge forense (n. 247/2012), in materia di individuazione delle categorie di professionisti che potranno partecipare alle associazioni legali.

Lo schema di decreto ministeriale, che ha ricevuto da poco il via libera dal Consiglio Nazionale Forense (leggi: “Associazioni multidisciplinari a 360°: ecco i futuri colleghi degli avvocati”), apre alla costituzione di associazioni tra ben 17 categorie di professionisti diverse, organizzate in collegi e ordini, con lo scopo di favorire la massima sinergia professionale, in modo da garantire servizi migliori e più ad ampio raggio e, al contempo, offrire maggiori opportunità negli attuali scenari di mercato sempre più competitivi.

Così, come previsto dallo schema di decreto, a stringere patti con gli avvocati, oltre agli altri legali, potranno essere: ingegneri, medici, commercialisti, consulenti del lavoro, architetti, biologi e altri professionisti iscritti a un albo e un ordine, fatta eccezione soltanto per i notai.

Tuttavia, il decreto ha dimenticato di includere nell'elenco i periti industriali. E la cosa non è passata inosservata al Consiglio Nazionale dei periti industriali e dei periti industriali laureati che hanno inviato apposita nota, lamentando l'esclusione dall'elenco delle categorie individuate nel decreto, il quale invece dovrebbe rivolgersi a tutte le categorie organizzate in ordini e collegi.

Ecco che si è reso necessario, dunque, il parere di Palazzo Spada, il quale ha ribadito che “indubbiamente” va considerata anche la posizione dei periti industriali “categoria professionale articolata a livello centrale in un Consiglio nazionale ed a livello territoriale in collegi su base provinciale, per la quale parimenti non può escludersi, al pari dei periti agrari e dei periti agrari laureati, degli agrotecnici e degli agrotecnici laureati, nonché dei geometri, tutti già inseriti, l'utilità di forme collaborative sinergiche nell'ambito delle associazioni di professionisti del libero foro”.

Il Cds ha colto l'occasione di intervenire anche sullo schema di regolamento che disciplina lo svolgimento del tirocinio per l'accesso alla professione forense, disponendo, in particolare che il testo preveda due fattispecie di interruzione: la prima relativa ai periodi di tempo inferiori a 6 mesi, la seconda a quelle ultrasemestrali.

Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF
(04/10/2015 - Marina Crisafi)
Le più lette:
» Avvocati: redditi sempre più bassi, è allarme
» Canone Rai: chi non vuole pagare nel 2017 deve dichiararlo entro dicembre
» Trenitalia: treni "nascosti" per fare acquistare i viaggi più cari, Antitrust apre istruttoria
» Cassazione: la clausola claims made non è vessatoria
» I compensi per l'atto di precetto con tabella e strumento di calcolo online
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF