Sei in: Home » Articoli

Cassazione: se il figlio sta più tempo con la madre, non è violato il principio dell'affido condiviso

La legge infatti non presuppone necessarimente tempi uguali di permanenza con entrambi i genitori
bambini figli madre genitori affidamento

di Marina Crisafi – La permanenza di un figlio con uno dei due genitori per un periodo di tempo ben superiore rispetto all'altro, “non implica violazione dei principi dell'affido condiviso, che non presuppone necessariamente, come da prassi ampiamente consolidata, tempi uguali o simili di permanenza del figlio con entrambi i genitori”.

Lo ha ricordato la Cassazione, con la recente ordinanza n. 16297/2015 (qui sotto allegata), pronunciandosi su una vicenda di separazione personale tra due coniugi, nella quale la Corte d'appello, confermando la sentenza di primo grado, aveva affidato in forma condivisa la figlia minore della coppia ad ambedue i genitori, collocandola presso la madre e stabilendo tempi e modalità di permanenza presso il padre.

L'uomo ricorreva per Cassazione lamentando una compromissione del diritto alla bigenitorialità, posto che il giudice d'appello, pur avendo formalmente previsto l'affido condiviso della bambina, di fatto aveva disposto un affido esclusivo presso la madre, visti i tempi esigui di frequentazione a disposizione del padre.

Per la sesta sezione civile, non è così.

La S.C. infatti ha ritenuto congrua ed adeguata la motivazione della corte d'appello, non ritenendo sussistere, inoltre, i presupposti “per un incremento dei tempi di permanenza della figlia con il padre, potendo essi comunque mantenere e rafforzare il loro rapporto con l'uso del telefono o altri mezzi di comunicazione”.

Tuttavia, pur non ritenendo perpetrata alcuna violazione del diritto alla bigenitorialità, la Cassazione ha ritenuto fondate le doglianze del ricorrente relative all'omessa valutazione da parte della corte territoriale delle prove tese a comprovare i comportamenti pregiudizievoli della madre verso la figlia, ostativi, pertanto, rispetto alla collocazione della bambina presso la stessa.

Il giudice di seconde cure, infatti, si è limitato a confermare la collocazione, sulla base della prevalente convivenza con la donna sin dai primi giorni della separazione della coppia, senza valutare l'ammissibilità e la rilevanza delle istanze dedotte dal padre, né motivando adeguatamente la sua valutazione.

Per cui, la S.C. ha accolto il ricorso sul punto, cassando la sentenza con rinvio al giudice a quo, che dovrà decidere anche sulle spese.

Cassazione, ordinanza n. 16297/2015
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF
(08/08/2015 - Marina Crisafi)
Le più lette:
» La manovra è legge: tutte le novità punto per punto
» Cani che abbaiano in condominio: Il punto della giurisprudenza
» Cassazione: la clausola claims made non è vessatoria
» Legge Pinto: cosa accade ai procedimenti in corso al 1° gennaio 2016?
» I compensi per l'atto di precetto con tabella e strumento di calcolo online
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF