Class action: sì della Camera. Ora la parola al Senato

Approvata ieri sera dall'aula di Montecitorio la riforma della disciplina sull'azione di classe. Il testo passa al Senato per l'esame . In allegato il ddl
Team di persone che uniscono le mani

di Marina Crisafi – È arrivato ieri sera il sì unanime della Camera sulla legge che riforma la class action con 388 voti a favore, nessun contrario né astenuti. Un vero e proprio plebiscito ha accompagnato dunque quella che è stata definita dagli addetti ai lavori come una “rivoluzione” nel Paese che riscrive lo strumento dell'azione di classe, introdotto nel 2010 ma mai decollato sul serio, al fine di potenziarlo e ampliarne il raggio di applicazione.

Modifica della struttura del giudizio, delle modalità di adesione e diversi incentivi all'azione che potrà essere costituita non solo dai consumatori ma anche da imprese, associazioni e P.A.. Queste le novità principali destinate a ridelineare in profondità l'istituto oggi disciplinato dal Codice del Consumo con l'inserimento nel codice di procedura civile.

 

Ecco i punti chiave del testo che ora passa al Senato per la discussione e l'approvazione definitiva:

 

-     Estensione soggetti tutelati

Uno dei punti chiave del disegno di legge è l'estensione della platea dei soggetti tutelati. Potranno costituire la class action non soltanto i consumatori, ma anche le imprese, la P.A. e le associazioni.

 

-     Ampliamento della responsabilità

Ampliate anche le ipotesi degli illeciti extracontrattuali, sino a comprendervi in toto le responsabilità per fatto illecito. In sostanza, potrebbero trovare tutela (e conseguente risarcimento) attraverso l'azione di classe tutti i diritti individuali, ivi compresi quelli alla salute e alla privacy

 

-     Modalità di adesione

Conferma della disciplina attuale che contempla l'adesione dei portatori di diritti omogenei nella fase iniziale della procedura (c.d. “opt-in”) ma viene aggiunta la possibilità (c.d. “opt-out”) di aderire all'azione anche dopo la sentenza che accoglie la class action.

 

-     Compensi e incentivi

La riforma innova la disciplina dei compensi per i rappresentanti della classe ed i difensori, in caso di accoglimento della domanda, riconoscendo loro la c.d. quota lite. Previsto inoltre quale incentivo per la raccolta dei mandati per la proposizione della class action, l'obbligo a carico dell'impresa di pagare un compenso al rappresentante comune della classe e agli avvocati dei soggetti vittoriosi (aderenti) e  degli attori delle cause riunite. Il compenso sarà calcolato in base all'importo complessivo dovuto ai danneggiati (tenendo conto della complessità e della qualità dell'opera prestata, ma anche del numero degli aderenti). 

Scarica il testo del ddl sulla class action
(04/06/2015 - Marina Crisafi)
Le più lette:
» Avvocati: da Shakespeare a Oscar Wilde, i più celebri aforismi sul mondo dell'avvocatura
» Avvocati: albi online senza segreti
» Condominio: multe fino a 2.500 euro per chi non adegua i termosifoni
» Padre immaturo? Il figlio va con la madre
» Tribunale degli Animali: gli avvocati a difesa dei "pelosi" dopo il divorzio
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
bottone newsletter Icona Facebook Icona Rss Icona Google plus Icona twitter Icona linkedin
Print Friendly and PDF