Sei in: Home » Articoli

Class action: sì della Camera. Ora la parola al Senato

Approvata ieri sera dall'aula di Montecitorio la riforma della disciplina sull'azione di classe. Il testo passa al Senato per l'esame . In allegato il ddl
Team di persone che uniscono le mani

di Marina Crisafi – È arrivato ieri sera il sì unanime della Camera sulla legge che riforma la class action con 388 voti a favore, nessun contrario né astenuti. Un vero e proprio plebiscito ha accompagnato dunque quella che è stata definita dagli addetti ai lavori come una “rivoluzione” nel Paese che riscrive lo strumento dell'azione di classe, introdotto nel 2010 ma mai decollato sul serio, al fine di potenziarlo e ampliarne il raggio di applicazione.

Modifica della struttura del giudizio, delle modalità di adesione e diversi incentivi all'azione che potrà essere costituita non solo dai consumatori ma anche da imprese, associazioni e P.A.. Queste le novità principali destinate a ridelineare in profondità l'istituto oggi disciplinato dal Codice del Consumo con l'inserimento nel codice di procedura civile.

 

Ecco i punti chiave del testo che ora passa al Senato per la discussione e l'approvazione definitiva:

 

-     Estensione soggetti tutelati

Uno dei punti chiave del disegno di legge è l'estensione della platea dei soggetti tutelati. Potranno costituire la class action non soltanto i consumatori, ma anche le imprese, la P.A. e le associazioni.

 

-     Ampliamento della responsabilità

Ampliate anche le ipotesi degli illeciti extracontrattuali, sino a comprendervi in toto le responsabilità per fatto illecito. In sostanza, potrebbero trovare tutela (e conseguente risarcimento) attraverso l'azione di classe tutti i diritti individuali, ivi compresi quelli alla salute e alla privacy

 

-     Modalità di adesione

Conferma della disciplina attuale che contempla l'adesione dei portatori di diritti omogenei nella fase iniziale della procedura (c.d. “opt-in”) ma viene aggiunta la possibilità (c.d. “opt-out”) di aderire all'azione anche dopo la sentenza che accoglie la class action.

 

-     Compensi e incentivi

La riforma innova la disciplina dei compensi per i rappresentanti della classe ed i difensori, in caso di accoglimento della domanda, riconoscendo loro la c.d. quota lite. Previsto inoltre quale incentivo per la raccolta dei mandati per la proposizione della class action, l'obbligo a carico dell'impresa di pagare un compenso al rappresentante comune della classe e agli avvocati dei soggetti vittoriosi (aderenti) e  degli attori delle cause riunite. Il compenso sarà calcolato in base all'importo complessivo dovuto ai danneggiati (tenendo conto della complessità e della qualità dell'opera prestata, ma anche del numero degli aderenti). 

Scarica il testo del ddl sulla class action
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF
(04/06/2015 - Marina Crisafi)
Le più lette:
» Diritto all'indennità di accompagnamento e Inps: la Cassazione accoglie la domanda
» Telefonia: Vodafone e 3 dovranno rimborsare i clienti
» Tribunale di Milano: i redditi in nero del marito non contano ai fini dell'assegno alla ex
» Avvocati: sanzioni fino a 30mila euro per chi non identifica i clienti
» Il rifiuto della notifica di un atto giudiziario
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF