Sei in: Home » Articoli
 » Multe

Autovelox truccati, Codacons chiede restituzione punti e sanzioni pagate

autovelox multe
Cinque anni di indagini della Guardia di Finanza di Brescia hanno portato a scovare una fitta rete di societÓ, rette dal settantenne bresciano Diego Barosi, accusato di associazione a delinquere, oltre che a una miriade infinita di accuse. L'uomo aveva creato una rete espansa in tutta Italia, che prevedeva l'installazione, fra le altre cose, di autovelox taroccati, che aumentavano la velocitÓ registrata per i veicoli del 15-17%, facendo incappare numerosi automobilisti in sanzioni per eccesso di velocitÓ, in realtÓ non dovute. L'uomo intascava poi il 40% delle sanzioni elevate irregolarmente, mentre numerosi amministratori e dipendenti pubblici intascavano un'altra parte del malloppo estorto illecitamente ai cittadini. Sono 558 le persone denunciate in tutta la Penisola, e le accuse vanno dalla corruzione, alla truffa aggravata alla turbativa d'asta. Il sistema era semplice, ma impressiona la rete enorme di amicizie e compiacenze in ogni regione, che ha permesso all'uomo di potere creare un vero business del malaffare. Adesso, Codacons chiede che le sanzioni elevate agli automobilisti dagli autovelox in questione siano rimosse e le somme giÓ pagate restituite.
Codacons chiede, inoltre, che vengano restituiti i punti sottratti dalla patente, in quanto una pena accessoria del tutto ingiusta, alla luce delle indagini.
(24/03/2011 - Emanuele Ameruso)
In evidenza oggi:
» Divorzio: niente assegno alla ex che da separata conduce una vita dignitosa
» Bollette luce, acqua e gas prescritte in 2 anni
» Tredicesima: a chi spettano i 154 euro in pi¨?
» Il disconoscimento di paternitÓ - guida con fac-simile
» La messa alla prova


Puoi trovare o lasciare commenti anche nei post che trovi nella nostra Pagina Facebook
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF