Sei in: Home » Articoli

Cassazione: c'è reato di maltrattamenti in famiglia anche se la vittima è l'amante e non la moglie

Integra il reato di maltrattamenti in famiglia anche il comportamento dell'agente indirizzato contro l'amante anziché contro la propria moglie. A dirlo è una recente sentenza della Corte di Cassazione, la n. 7929 depositata l'1 marzo 2011. Secondo i giudici di Piazza Cavour, per potersi configurare il reato di maltrattamenti in famiglia, di cui all'art. 572 del codice penale, è necessario che il soggetto abbia con la vittima del reato una relazione “duratura” simile ad una relazione familiare. La stabilità della relazione, secondo i giudici, determinerebbe una serie di obblighi dell'uomo nei confronti dell'amante, paragonabili agli obblighi di solidarietà e assistenza tipici della comunità familiare.
Secondo gli Ermellini la circostanza che l'uomo continui a vivere con la moglie e i figli, non sarebbe sufficiente ad escluderebbe il reato .
(06/03/2011 - Luisa Foti)
In evidenza oggi:
» In arrivo più ferie e ponti per tutti
» Avvocati: addio contributo minimo integrativo
» Avvocati: addio contributo minimo integrativo
» La Consulta boccia l'art. 92 post riforma
» Multa col cellulare in auto anche se non si parla


Puoi trovare o lasciare commenti anche nei post che trovi nella nostra Pagina Facebook
Newsletter f g+ t in Rss
Resta aggiornato. Segui StudioCataldi su Telegram      SCOPRI DI PIU'
chiudi