Sei in: Home » Articoli

Approvato nuovo Codice della Strada: sarà in vigore a giorni

Non farà la normale vacatio legis di quindici giorni una volta che sarà stato pubblicato in Gazzetta Ufficiale e, quindi, ora ch'è stato appena varato da Palazzo Madama, il Codice della Strada sarà subito dopo in vigore, in piena estate. Un periodo decisamente inopportuno per divulgarne con pienezza ed analisi i contenuti. La propaganda parla di più sicurezza per l'esodo agostano, ma chi informa i cittadini in questo periodo di giornate trascorse all'aria aperta, distanti da tv e pigri nella lettura dei giornali? Il tribolatissimo iter di approvazione è finalmente giunto al termine ed il Senato dà l'okay alla riforma di circa un terzo degli articoli del previgente Codice Stradale. Stretta per ciclomotori truccati e minicar e guerra a droghe ed alcool in particolare per i minori di ventuno anni saranno il leit-motiv delle novità unitamente alla nuova disciplina della perdita dei punti patente ed alle notifiche ultraceleri delle sanzioni. Nell'assenza dei mezzi di informazione che sarebbero a ciò deputati il Portale Studio Cataldi cercherà nei prossimi giorni di orientarVi con una serie organica di interventi dedicati ad una visione d'insieme ed ad una trattazione in dettaglio della Grande Riforma. Continuate a seguirci. Eviterete guai!
(28/07/2010 - Avv.Paolo Storani)
Scrivi all'Avv. Paolo Storani
(Per la rubrica "Posta e Risposta")
» Lascia un commento in questa pagina
Avv. Paolo M. Storani
Civilista e penalista, dedito in particolare
alla materia della responsabilità civile
Rubrica Diritti e Parole di Paolo Storani   Diritti e Parole
   Paolo Storani
Le più lette:
» Il reato di ricettazione
» Opposizione a decreto ingiuntivo: inammissibile per nullità della notifica via pec
» Il permesso di soggiorno
» Avvocati: prestazione sospesa se il cliente non paga
» Addio assegno di divorzio per l'ex autosufficiente anche se il marito è miliardario
In evidenza oggi
Condominio: l'acqua non si stacca ai morosiCondominio: l'acqua non si stacca ai morosi
Accedere all'email altrui è reato anche se si conosce la passwordAccedere all'email altrui è reato anche se si conosce la password

Puoi trovare o lasciare commenti anche nei post che trovi nella nostra Pagina Facebook
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF