Sei in: Home » Articoli
 » Multe

Sicurezza Stradale: troppi morti sulle strade, al più presto una "scatola nera" sulle auto

Il presidente della Commissione trasporti della Camera ha dichiarato la sua piena adesione a quanto affermato dal ministro delle infrastrutture in merito alla necessità di utilizzare quanto prima la scatola nera sulle auto. "Ho esperienza diretta sulla questione - afferma - avendo lanciato la sperimentazione di questo efficace sistema di controllo gia' nel secondo governo Berlusconi, quando ero al ministero delle Attivita' Produttive. Ora, dopo la sperimentazione, ritengo che il sistema sia pronto a dare il suo contributo alla prevenzione degli incidenti, oltre ad essere utile sul fronte della riduzione delle tariffe RC". Istallando su un'automobile questo dispositivo è possibile monitorare la posizione e i movimenti dell'auto e trasmettere (con un sistema satellitare) informazioni su un eventuale incidente stradale semplificando così la ricostruzione della dinamica dell'incidente e facilitando le attività di soccorso giachè, in caso di urto, il dispositivo potrebbe trasmettere un segnale di allarme. Dopo i dati alarmanti sul numero delle vittime negli ultimi week, diventa sempre più urgente la necessità di adottare misure efficaci per contrastare un fenomeno che ha assunto proporzioni tali da rendere non ulteriormente procastinabile un intervento. Secondo i dati rilevati dall'Istat, ogni giorno in Italia si verificano in media 652 incidenti stradali, che provocano la morte di 16 persone e il ferimento di altre 912. Solo nell'anno 2006 sono stati registrati 238.124 incidenti stradali, che hanno causato la morte di 5.669 persone, mentre altre 332.955 hanno subito lesioni di diversa gravità.
(13/08/2008 - Roberto Cataldi)

In evidenza oggi:
» Reddito di cittadinanza: come richiederlo
» Timore per i debiti ereditari? C'è il beneficio d'inventario
» Curriculum vitae: guida alla redazione con fac-simile
» La guida in stato di ebbrezza
» Esami avvocato, praticante ricorre e gli abbassano il voto, il Cds conferma
Newsletter f g+ t in Rss