Roma - (Adnkronos) - Marito e moglie fanno una dichiarazione dei redditi in comune? Nessun problema finche' il matrimonio resta in piedi. Ma se poi naufraga il coniuge puo' trovarsi a dover rispondere dei debiti dell'altro. Non importa se la coppia non e' piu' insieme: i debiti restano "in comune". Lo ha sancito la Cassazione che ha respinto il ricorso di Giuseppina D., una signora di Verona che dopo la separazione dal marito Alvaro P. si era vista contestare un debito contratto dal coniuge. Il motivo? Quando ancora il matrimonio funzionava, la coppia aveva fatto un unico 740 e quindi tutte le obbligazioni stipulate erano rimaste in piedi anche dopo la separazione.
Condividi
Feedback

(16/09/2002 - Roberto Cataldi)
In evidenza oggi:
» Coronavirus: stop agli incontri tra padre e figlio residenti in comuni diversi
» Sospensione del mutuo: ecco il modello