Sei in: Home » Articoli

Legge di Stabilità 2015: un incremento delle aliquote IVA all'orizzonte. Fino al 25,5%

Se la spesa pubblica non subirà una contrazione per effetto delle misure di spending review previste nell'ultima finanziaria, a partire dal 2016 si interverrà sulle aliquote iva in modo automatico
Uomo che mostra le tasche vuote
Se la spesa pubblica non subirà una contrazione per effetto delle misure di spending review previste nell'ultima finanziaria, a partire dal 2016 si interverrà sulle aliquote iva in modo automatico
La legge di Stabilità 2015, all'articolo 15, prevede infatti che, qualora vi siano scostamenti nei saldi di bilancio preventivati, la misura dell'aliquota ordinaria nel 2016 passerà dall'attuale 22% al 24%

Qualora i conti non dovessero essere ancora in ordine, l'imposta sul valore aggiunto aumenterà di un punto percentuale nell'anno successivo per passare al 25,5% nel 2018. Una sorte non diversa toccherà all'iva agevolata, attualmente al 10%. Gli aumenti progressivi saranno del 2% per il 2016 e nel 2017 l'imposta raggiungerà il 13%.

Quali sono state le reazioni a caldo? Quali sono le implicazioni di questo intervento sull'economia nazionale e sulla propensione ai consumi delle famiglie?

L'ufficio studi della Confcommercio sottolinea come in questo modo l'Italia conquisti uno dei primi posti nella graduatoria internazionale delle aliquote delle imposte indirette sui consumi. L'ufficio studi aggiunge che questi incrementi d'imposta avranno effetti negativi sul prodotto interno lordo e sui consumi, deprimendo il gettito atteso ex ante in quanto si determineranno processi di elusione od evasione fiscale. 

Netta è stata anche la presa di posizione da parte del Codacons che parla di una maxi stangata per le famiglie italiane che si vedranno costrette a ridurre ulteriormente i consumi: si stima, infatti, che nel 2018 il peso di questa misura per una famiglia sarà mediamente pari a 791 euro annui.
(23/10/2014 - A.V.)
Le più lette:
» In vigore il reddito di inclusione: fino a 485 euro al mese
» Addio definitivo alla Siae
» Giardini e terrazzi privati: al via il bonus verde del 36%
» Come funziona la rottamazione "bis" delle cartelle
» Responsabilità medica: la Cassazione torna sull'onere probatorio della struttura sanitaria
In evidenza oggi
Mammografia: entro 60 giorni o dal privato al costo del ticketMammografia: entro 60 giorni o dal privato al costo del ticket
Responsabilità medica: la Cassazione torna sull'onere probatorio della struttura sanitariaResponsabilità medica: la Cassazione torna sull'onere probatorio della struttura sanitaria
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF