Sei in: Home » Articoli
 » Condominio

Cassazione: infiltrazione da intercapedine? Condominio risarcisca danni se non l'ha resa ispezionabile

condominio palazzo costruzione
Quando si verificano infiltrazioni d'acqua in un appartamento che provengono dall'intercapedine tra due edifici che non Ŕ stata mai soggetta manutenzione, il condominio deve risarcire il proprietario di tutti danni compresi i costi che il danneggiato abbia dovuto sostenere per prendere in affitto, sia pur temporaneamente, una nuova abitazione risultando la sua abitazione momentaneamente inservibile per l'umiditÓ. E' quanto chiarisce la seconda sezione civile della corte di cassazione con la sentenza n.6128/2012. La domanda del danneggiato era stata respinta in primo grado ed accolta invece dalla corte d'appello. La Cassazione ha confermato la sentenza di secondo grado facendo rilevare che nonostante il consulente d'ufficio avesse espresso un giudizio solo probabilistico, i giudici di merito hanno correttamente ritenuto che la causa delle infiltrazioni di umiditÓ risiedesse nella mancata manutenzione dello spazio posto tra due fabbricati che il condominio avrebbe dovuto rendere ispezionabile e accessibile per evitare il ristagno di acque con conseguente loro deflusso verso la proprietÓ limitrofa. Gli inconvenienti erano del resto cessati dopo i lavori di impermeabilizzazione, areazione e canalizzazione. Sempre in relazione al quantum la Corte ha ritenuto corretto l'impianto motivazionale della sentenza d'appello che ha riconosciuto non solo il diritto al rimborso delle spese risultanti dalle fatture per le opere necessarie a riparare i danni provocati da infiltrazioni, ma anche il rimborso dei canoni di locazione pagati per affittare un nuovo alloggio temporaneo, durante il periodo dei lavori. L'appartamento del resto era stato reso interamente inabitabile a causa dell'umiditÓ che si era diffusa anche in ambienti non strettamente interessati dalle infiltrazioni.
Vai al testo della sentenza 6128/2012
(06/05/2012 - N.R.)
Le pi¨ lette:
» L'accollo
» Gratuito patrocinio: il tribunale non pu˛ pagare gli avvocati
» Tari: come chiedere il rimborso dal 2014
» Separazioni e divorzi davanti al sindaco
» Rapporto di lavoro: le dimissioni
In evidenza oggi
ResponsabilitÓ medica: la prova del danno spetta al pazienteResponsabilitÓ medica: la prova del danno spetta al paziente
Rischia il carcere senza condizionale il padre che non mantiene i figliRischia il carcere senza condizionale il padre che non mantiene i figli

Puoi trovare o lasciare commenti anche nei post che trovi nella nostra Pagina Facebook
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF