Sei in: Home » Articoli

Condannato a costruire un muro sulla proprietà di un altro e a pagare 134.000 euro per lavori fatti da altri

lavoratore infortunio
Una piccola svista del magistrato può costare caro a un cittadino. Se infatti il giudice non si accorge che un terreno è stato venduto, con tanto di atto notarile prodotto nel giudizio, c'è il rischio di trovarsi condannati per fatti addebitabili ad altri, ossia agli acquirenti. E' quanto accaduto all'esito di un lungo giudizio svoltosi dinanzi al Tribunale di Ascoli Piceno. Il giudizio vedeva coinvolte diverse parti e tra queste anche il proprietario di un terreno che, però, avendolo venduto, aveva prodotto l'atto notarile spiegando che eventuali richieste per opere compiute dopo la vendita dovevano essere ovviamente rivolte a chi aveva comprato il terreno.

Senonché, nella probabile fretta di redigere la sentenza in un giudizio che durava da più di 30 anni, il giudice non si è accorto che una delle parti aveva venduto la proprietà prima che su questa venissero compiute alcune opere indicate come fonte di danno e quindi anziché condannare gli acquirenti ha condannato il venditore imponendogli anche di costuire un muro su quel terreno che non è più suo. Ma non basta. Sul terreno venduto sembrerebbe siano state compiute (secondo il magistrato) opere che avrebbero compromesso le possibilità edificatorie per il confinante. Anche in tal caso il “conto” per i danni è stato presentato al venditore anziché all'acquirente: ben 134.000 euro!

Ora chi aveva venduto il terreno dovrà suo malgrado eseguire una sentenza che è provvisoriamente esecutiva e che lo costringerà (se prima non dovesse intervenire una sospensiva della Corte d'Appello) a pagare la consistente somma di denaro con il rischio di non poterla recuperare dopo i cinque anni normalmente necessari per la conclusione del giudizio di secondo grado.

Che dire poi dell'obbligo di costruire il muro su una proprietà che non è più sua? Possiamo solo immaginare lo stupore dell'acquirente quando vedrà che sulla proprietà che ha acquistato è entrato l'ex proprietario con tanto di cazzuola in mano per costruire un muro e adempiere alla bizzarra sentenza.
(29/03/2012 - Comunicati Stampa)
Le più lette:
» Le aree destinate a parcheggio nel condominio
» Tassa rifiuti: va calcolata una sola volta per tutto l'immobile
» Cassazione: la telefonata registrata è una prova e può essere utilizzata in giudizio
» Autovelox: come difendersi dalle contravvenzioni illegittime
» Affido condiviso: fino a 3 anni il bambino può dormire dal padre solo ogni tanto
In evidenza oggi
Multe autovelox: dal 1° agosto potrebbero essere nulleMulte autovelox: dal 1° agosto potrebbero essere nulle
Cassazione: la telefonata registrata è una prova e può essere utilizzata in giudizioCassazione: la telefonata registrata è una prova e può essere utilizzata in giudizio
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF